Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Drogato con il caffè e derubato dei suoi anelli d’oro»: choc sulla spiaggia della Rotonda Diaz a Napoli

Mercoledì 21 Settembre 2022
«Drogato con il caffè e derubato dei suoi anelli d’oro»: choc sulla spiaggia della Rotonda Diaz a Napoli

A Napoli accade che il caffè non sia più soltanto un simbolo di tradizione, di cortesia e di amicizia ma anche un modo per ingannare il prossimo.

Sul lungomare di via Caracciolo un uomo anziano è stato drogato proprio con del caffè per poi essere derubato. A denunciare la vicenda è stato il nipote dell'uomo al consigliere regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli

«Sul lungomare all’altezza di via Caracciolo, mentre mio nonno, che ha quasi 80 anni, era in spiaggia a farsi un bagno e a passare un po’ di tempo in tranquillità, un uomo sui 50 anni gli è andato vicino tentando di fare amicizia portandogli un caffè che però era corretto con una sostanza stupefacente. Mio nonno ha così perso i sensi quell’uomo ne ha approfittato per sfilargli i 4 anelli d’oro che portava. Le foto sono state scattate da un passante che immortalava il panorama e ha denunciato alla polizia quello che ha visto. Il ladro è quella con la camicia e lo zaino».

«Chiediamo alle forze dell’ordine di rintracciare al più presto quell’individuo che per rubare dell’oro rischia di ammazzare o comunque di causare un malore alle sue vittime. Abbiamo saputo dai familiari dell’uomo drogato e derubato che ora è ricoverato al Cardarelli. Gli auguriamo di rimettersi molto presto. - commenta Borrelli assieme al conduttore radiofonico de la Radiazza Gianni Simioli –. Ormai si ruba e si delinque ad ogni ora del giorno anche davanti a testimoni, questa la dice lunga sulla nostra situazione giudiziaria. Troppi crimini restano impuniti. È tempo di cambiare registro».

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA