Napoli, due fratelli fanno causa al papà sparito per mancanza d'amore

di Maria Chiara Aulisio

  • 228
Lei ha trent'anni, suo fratello venticinque, hanno fatto causa al papà per «mancanza d'amore». La loro storia, unica nel suo genere, sarà in un fascicolo nelle mani di un giudice che dovrà stabilire quanto può valere il mancato affetto di un genitore. Perché solo di affetto si parla, e non di mantenimento, come accade quasi sempre in questi casi. Ma andiamo con ordine e partiamo dall'inizio. Dalla «vita normale» di una «famiglia normale», «uguale a quella di tante altre», almeno fino a quattro anni fa quando il papà, senza alcuna spiegazione, decide di mollare tutto e andare via. Un'altra donna? Forse. La voglia di crearsi una nuova famiglia altrove? Può darsi. Nessuna certezza, ma tanti dubbi, grandi delusioni e una voragine affettiva che Giulia e Piero A. non riescono mai più a colmare. Fu un fulmine a ciel sereno: nè la moglie e nè i figli si sarebbero mai aspettati un gesto del genere. Era il giorno di pasquetta quando papà Paolo raccolse i suoi effetti personali e chiuse dietro di sè la porta di una casa dove non avrebbe mai più messo piede. In quell'occasione la giovane Giulia ci provò pure a trattenerlo: «Papà dove vai? Sei impazzito? Siamo noi la tua famiglia». Niente da fare. E a nulla valsero anche le lacrime del fratello e della madre che, invano, cercò di convincere il marito a non abbandonarli.

Giulia, nel rispetto del dolore che provoca il gesto di un padre che lascia moglie e figli, quello che è successo alla vostra famiglia non può considerarsi un caso isolato.
«Senza dubbio. Non si contano le coppie che si separano».

E allora qual è il problema?
«Che papà ci ha cancellati dalla sua vita come si fa con un disegno sulla lavagna. È sparito: ogni volta che lo abbiamo cercato non si è mai fatto trovare. Ha interrotto ogni rapporto con noi, come se fossimo dei rifiuti».

Da qui la decisione di fargli causa?
«Deve capire quanto male ci ha fatto, e l'unico modo era questo. Così ci siamo rivolti all'avvocato Angelo Pisani che ci sta sostenendo in questa che per noi è una battaglia d'amore».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 18 Giugno 2019, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 18-06-2019 10:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP