Degrado a Napoli, escrementi di cani davanti al negozio: «È un'aiuola, non è un water»

Martedì 4 Maggio 2021 di Alessandro Bottone
Degrado a Napoli, escrementi di cani davanti al negozio: «È un'aiuola, non è un water»

«Questa è un'aiuola e non è un water». La scritta col pennarello rosso è ben evidente sul cartello improvvisato che mette in allerta quanti lasciano le deiezioni dei propri cani nel quadrato di verde in via Francesco Spinelli a Barra, quartiere nella zona orientale di Napoli. Stufo del degrado davanti al proprio negozio, il commerciante ha voluto mettere in risalto l'inciviltà di alcuni concittadini che lasciano liberi i cani nella strada che collega corso Bruno Buozzi e corso Sirena, le direttrici del quartiere di Napoli Est. 

Siamo a ridosso dello slargo con la fontana intitolato a Madre Claudia Russo. «Stamattina all'apertura del mio negozio innanzitutto ho dovuto spazzare di tutto e di più» scrive su Facebook l'artigiano che evidenzia: «Non ho nulla contro i cani, anzi sono meglio degli esseri umani, ma fuori al mio negozio non ci sta il cesso per far fare i bisogni ai cani [...] con il caldo gli escrementi puzzano e io qui ci sto 12 ore al giorno per lavoro» lamenta il cittadino.

 

La mancanza di igiene, purtroppo, riguarda molte altre strade di Barra. Il problema dipende non solo dall'evidente inciviltà di alcuni residenti e passanti ma anche per gli interventi di spazzamento ridotti all'osso. Inoltre, lungo le strade del quartiere non ci sono cestini adeguati alla raccolta degli escrementi degli amici a quattro zampe e non ci sono aree dedicate esclusivamente ai cani. Dunque, vita difficile per chi accompagna l’animale domestico a passeggio e ancora più stressante per chi è costretto a subire la mancanza di pulizia e decoro lungo le strade della città.

Ultimo aggiornamento: 5 Maggio, 09:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA