Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli Est, parco in via della Villa Romana dimenticato dalla “ricostruzione”

Sabato 18 Giugno 2022 di Alessandro Bottone
Napoli Est, parco in via della Villa Romana dimenticato dalla “ricostruzione”

Diecimila metri quadrati di verde dimenticati. Sulle carte sono identificati come parco pubblico ma nei fatti rappresentano un angolo di Napoli in cui le piante sono cresciute a dismisura e senza alcuna cura. Lo spazio abbandonato e sconosciuto ai più insiste in viale della Villa Romana a Barra, quartiere nella zona orientale del capoluogo campano.

Più precisamente siamo alle spalle degli uffici del Giudice di Pace, del presidio di forze dell'ordine e di altri edifici comunali. Dall'altra parte dell'ampia e pericolosa strada si aprono l'area archeologica con i resti della villa romana e il "lotto O", complesso di palazzine popolari in cui vivono migliaia di persone. Il triangolo di verde non risulta mai essere stato inaugurato né aperto al pubblico sin dalla sua realizzazione avvenuta nell'ambito della legge 219 del 1981, ovvero degli interventi della "ricostruzione" in seguito al terremoto del 1980.

Secondo qualche residente in quest'area comunale sarebbe dovuto nascere un "giardino botanico" che raccogliesse tante essenze e specie di piante. Di certo c'è soltanto un affido a un privato di oltre dieci anni fa. Nel 2011, poco prima del rinnovo delle cariche, la giunta del Comune di Napoli concede il parco in locazione a un'associazione di volontariato che si occupa di difesa e libertà degli animali. L'idea era trasferire nel bene di viale della Villa Romana il canile-rifugio gestito dalla realtà associativa già da diversi anni nei dintorni. Il progetto, però, salta nonostante l'impegno dell'associazione per la pulizia e la bonifica del verde infestante cresciuto nel parco. Non risultano altre azioni utili per consegnare l'enorme area verde alla cittadinanza in un'area della periferia orientale ad altissima densità abitativa.

Quello di viale della Villa Romana è il secondo parco di Barra completamente chiuso e mai inaugurato. L'altro insiste in via Mastellone, proprio a ridosso delle palazzine popolari. Quest'ultimo, formalmente affidato alla Municipalità di Napoli Est, è stato recentemente al centro di una richiesta da parte dell'associazione Premio GreenCare che ha sollecitato l'amministrazione comunale a intitolarlo alle vittime della pandemia da Covid-19 e, naturalmente, a curarlo per farne un polmone verde per i residenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA