Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli Est, rifiuti e verde bruciato:
degrado nel cuore di Ponticelli

Mercoledì 8 Giugno 2022 di Alessandro Bottone
Napoli Est, rifiuti e verde bruciato: degrado nel cuore di Ponticelli

Rifiuti e sporcizia rendono invivibili alcuni spazi di Ponticelli. Piazza Egizio Sandomenico, nel cuore del quartiere nella zona orientale di Napoli, è da tempo senza alcuna cura. A peggiorare le condizioni è lo sversamento di “monnezza” con una discarica alimentata quotidianamente.

Lo spazio insiste lungo corso Ponticelli, la strada principale del quartiere di Napoli Est, a due passi dalla storica basilica. Frequentata da molti giovanissimi, ma non solo, la piazza è senza decoro e pulizia. Il verde è ormai inesistente: nelle aiuole non ci sono più gli alberelli piantati di recente, letteralmente scomparsi, ma soltanto erbacce. Anche i diversi grossi alberi che creano zone d’ombra e di riposo per i residenti necessitano di manutenzione ordinaria. I passanti, però, devono rinunciare a qualche sorso di acqua potabile visto che la fontanella al centro è inutilizzabile e danneggiata. D’altronde fermarsi in piazza è davvero poco invitante: c'è sporcizia e la pavimentazione risulta macchiata e consumata in numerosi punti.

 

I rifiuti abbandonati da residenti, passanti e commercianti creano una vera e propria micro-discarica. Ci sono suppellettili, infissi, un divano, uno stendino per bucato, diversi cartoni, alcune sedie. Tra gli ingombranti anche un grosso baule. É soltanto uno degli ultimi materiali lasciati a terra proprio a lato della piazza. Accanto ai rifiuti insiste anche un pesante "pezzo" di pietra: è un dissuasore che si è “staccato” dalla pavimentazione. Le radici degli alberi hanno fatto “saltare” anche alcuni metri del marciapiedi che, dunque, deve essere ripristinato.

Il monumento dedicato alle vittime innocenti della camorra e il coloratissimo murales ricordano l'impegno simbolico di cittadini e associazioni che, in più occasioni, si sono attivati per ripulire e riqualificare lo spazio pubblico. Uno sforzo che, purtroppo, non basta a eliminare il degrado di questa e di tante altre aree del quartiere di Napoli Est dove bisogna fare i conti con l'inadeguato smaltimento di rifiuti: cassonetti pieni già in mattinata, mancata raccolta differenziata, strada usata come isola ecologica, mancato spazzamento. Situazioni che, con le alte temperature di questi giorni, diventano più complicate con ricadute sull'igiene.

© RIPRODUZIONE RISERVATA