Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, frode carburanti con fatture false: sequestro beni da 44 milioni

Mercoledì 6 Luglio 2022
Napoli, frode carburanti con fatture false: sequestro beni da 44 milioni

Beni per 44 milioni di euro sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza a cinque società e sei persone fisiche indiziate di partecipazione a un'associazione per delinquere attiva nelle province di Napoli e Frosinone. I militari hanno anche notificato due misure cautelari nei confronti di altrettante persone. La Procura di Napoli, che ha coordinato le indagini delle Fiamme gialle di Napoli, Frosinone e Trieste alle quali hanno preso parte anche funzionari del Nucleo Operativo Accise (NOA) dell'Agenzia delle Dogane e Monopoli, contesta agli indagati dichiarazioni fraudolente messe a segno mediante l'emissione ed utilizzazione di fatture per operazioni inesistenti e attraverso una frode nella commercializzazione di prodotti petroliferi.

La frode, del tipo «carosello», sarebbe avvenuta dal 2016 al 2021, effettuata mediante interposizioni fittizie di altre società e fatturazioni per operazioni soggettivamente inesistenti; le indagini hanno fatto emergere che sarebbe stata creata una catena di società dislocate in Friuli Venezia Giulia, Lazio e Campania, per assicurare introiti illeciti ai partecipi dell'associazione, commisurati alle imposte evase in termini di IVA e di accise per decine di milioni di euro. Una delle società operanti nel Frusinate, titolare di licenza di trader, a seguito della revoca intervenuta per violazioni di carattere fiscale, avrebbe ceduto circa 15 milioni di litri di gasolio, in sospensione d'accisa pur non avendone più i requisiti, a un'altra società, sempre riconducibile al medesimo soggetto. Tale condotta avrebbe consentito - in soli due mesi - di evadere circa 10 milioni di euro di accise. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA