Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli: fuochi d'artificio illegali, quest'anno fa paura il petardo “D10S”

Mercoledì 29 Dicembre 2021
Napoli: fuochi d'artificio illegali, quest'anno fa paura il petardo “D10S”

Meno sequestri rispetto agli anni scorsi, ma attenzione sempre altissima da parte di forze dell'ordine e istituzioni in vista del Capodanno a Napoli e in Campania sul fronte della vendita e dell'utilizzo di fuochi d'artificio illegali. Un fenomeno in forte calo, come dimostra il bollettino dei feriti del giorno dopo con cifre per fortuna nettamente inferiori a quelle che si facevano registrare un tempo, ma sul quale comunque Finanza, Polizia e Carabinieri rivolgono costante attenzione.

E se un tempo si dava la caccia alla Bomba Maradona o, in tempi più recenti, ai botti Spread, Bin Laden, Cavani e Pipita, quest'anno a preoccupare le forze dell'ordine è il petardo D10S, neologismo nato per indicare Diego Armando Maradona, gioco di parole tra il vocabolo spagnolo dios e il numero 10 che il Pibe de Oro, scomparso poco più di un anno fa, ha portato sulle spalle per tutta la sua carriera. A scoprire l'esistenza del petardo D10S sono stati i finanzieri del Comando provinciale di Napoli nel corso di un sequestro di una fabbrica clandestina di fuochi d'artificio a Nola, a inizio dicembre. Qui i finanzieri, che nell'ambito dell'operazione hanno arrestato 3 persone, hanno notato la presenza di botti confezionati con la scritta D10s e i colori biancocelesti della nazionale argentina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA