Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, i furbetti della Ztl di Coroglio: targhe
coperte per non farsi multare

Lunedì 20 Giugno 2022 di Emma Onorato
Targa occultata

Mascherine chirurgiche e buste di plastica per coprire le targhe: è questo l'ultimo escamotage adottato dai furbetti della Ztl di Coroglio. Un fenomeno - non del tutto sconosciuto in città - che sta prendendo nuovamente piede con l'inizio della stagione estiva: si fomenta soprattutto nel fine settimana, ovvero quando i trasgressori - spesso in procinto di raggiungere gli ormeggi dove è ancorato il proprio natante - utilizzano questo trucchetto per raggirare le sanzioni amministrative legate al divieto di transito

Video

L'ingresso alla Baia di Nisida-Coroglio è sorvegliato da telecamere per il controllo elettronico: il varco è attivo tutti i giorni (24 ore su 24) e, come ricorda la cartellonistica, vieta l'accesso a motoveicoli e autoveicoli non autorizzati ad eccezione dei taxi, N.c.c., veicoli autorizzati a servizio di persone invalide e movimentazione merci. Ma a quanto pare la videosorveglianza non basta a fermare i furbetti della Ztl che, poco prima di accedere, si ingegnano ad oscurare la fatidica targa per attraversare indisturbati l'area interdetta al traffico veicolare. L'attenta occultazione - sia anteriore che posteriore - viene ripetuta anche all'uscita dal varco. Una violazione che - senza nascondere l'amaro sarcasmo - sembra aver cambiato anche l'uso delle mascherine chirurgiche: se prima servivano per arginare il contagio, ora proteggano dai verbali. Un'inosservanza  a quanto stabilito dal Comune di Napoli che lo scorso anno ha reso pedonale l'area della Baia di Coroglio-Nisida. Un'area a traffico limitato che, a seguito delle oggettive osservazioni sull'inadempienza di alcuni cittadini, avrebbe bisogno di un controllo attivo e costante da parte della Polizia municipale come suggerisce chi, invece, è ligio alle regole: «Le telecamere servono a poco, l'area dovrebbe essere sorvegliata dai vigili per far sì che le regole vengano rispettate».

Ultimo aggiornamento: 26 Giugno, 19:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA