Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, senza fissa dimora gambizzato al Rione Traiano: la vendetta della camorra per uno sgarro

Lunedì 1 Agosto 2022 di Luigi Sabino
Napoli, senza fissa dimora gambizzato al Rione Traiano: la vendetta della camorra per uno sgarro

Punito dalla camorra per uno sgarro. Sembra essere questo il movente del ferimento di Gennaro Moglie, il senza fissa dimora gambizzato, questa notte, in via Cassiodoro, nel rione Traiano. Secondo una prima ricostruzione, l'uomo, che da due anni vive all'interno di un'auto in stato di indigenza, sarebbe stato avvicinato da due uomini in scooter.

Il passeggero, che come il conducente aveva il volto coperto, avrebbe estratto la pistola, verosimilmente una semiautomatica, ed esploso alcuni colpi all'indirizzo del quarantacinquenne. Uno dei proiettili ha raggiunto Moglie alla gamba sinistra che ha richiesto l'intervento dei medici dell'ospedale Cardarelli dove è stato trasportato. Presso la struttura sanitaria, allertati dai medici, sono arrivati anche gli investigatori della Polizia di Stato che, ascoltato il racconto della vittima, si sono messi a caccia dei responsabili.

L'ipotesi più accreditata al momento è che Moglie, personaggio già noto alle forze dell’ordine, sia stato punito da qualche organizzazione criminale della zona per qualcosa che avrebbe detto o fatto. Non è escluso, infatti, che il raid sia collegato alle attività non proprio lecite della vittima. Alcune settimane fa Moglie fu arrestato mentre, insieme a un complice, tentava di rubare, da un’auto parcheggiata jn via Tertulliano, una marmitta catalitica. Quando gli investigatori gli piombato addosso, lo trovarono in possesso di attrezzi da scasso e di un'altra marmitta, anche questa provento, molto probabilmente, di un precedente furto.

Secondo le forze dell’ordine il quarantacinquenne potrebbe far parte di una banda di ladri specializzati in questo particolare tipo di furti il cui unico scopo è quello di alimentare il sempre più ricco mercato della compravendita illecita di palladio, rarissimo metallo e componente indispensabile per la produzione di marmitta di ultima generazione. Un settore, questo, su cui la camorra, in tempi recentissimi, ha messo gli occhi per incrementare i suoi profitti. Possibile quindi che Moglie sia stato punito per essersi rifiutato di pagare una quota sui furti a qualche clan dell'area flegrea. Altra ipotesi al vaglio, invece, è che il quarantacinquenne abbia rubato alle persone sbagliate.

Ultimo aggiornamento: 2 Agosto, 09:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA