Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Morta Gianna la contrabbandiera, la trans del centro storico di Napoli celebrata da Pino Daniele

Venerdì 3 Giugno 2022 di Giovanni Chianelli
Morta Gianna la contrabbandiera, la trans del centro storico di Napoli celebrata da Pino Daniele

Per i tabagisti era una salvezza, un'oasi nella notte del centro storico, l'idea che anche a tarda ora avrebbero potuto consumare il viziaccio maledetto. Per gli appassionati di aneddoti sulla musica una croce e delizia: si dice fosse lei il “buono guaglione” del brano di Pino Daniele, a cui seguiva un altro epiteto di natura non inclusiva che qui non verrà riportato ma che all'epoca si poteva usare, persino in un brano destinato a entrare nella storia. Anche se non si capisce bene se amasse o meno questa attribuzione, a volte era lei a riferirla, altre prendeva a male parole l'appassionato di cui sopra.

Per i frequentatori di piazza Bellini e dintorni era uno dei personaggi fissi del presepe locale, una figura di famiglia nella movida partenopea, dolce con chi voleva e scorbutica se le girava così: la sua riapparizione dopo la pandemia fu un simbolo plastico del fatto che si era tornati a uscire. Per tutti, era la Signora. Se n'è andata Gianna, al secolo Gianni, contrabbandiera del centro molto conosciuta e amata. Vendeva sigarette che comprava in tabaccheria ritoccando di poco il prezzo, sì, faceva un mestiere illegale - tra le ultime a continuare una tradizione "napoletana troppo napoletana", ormai quasi estinta - ma solo per recuperare un po' di sussistenza, quella che una vita difficile le aveva evidentemente negato.

LEGGI ANCHE Morto Gennaro Esca, addio all’artista napoletano: l’ultima mostra al Castel dell’Ovo nel 2009

Figlia di un maresciallo che fu il primo a metterla nei guai per aver cambiato sesso, addirittura a ordinarne il primo arresto. In galera ci finì più volte: prostituta e attivista, fu tra le prime a lottare per i diritti di omosessuali, lesbiche e transessuali, le persone che oggi una moda raggruppa nell'acronimo Lgbt che, a occhio, non le sarebbe garbato: «'E ricchiun 'e mo' nun teneno 'e 'ppalle» diceva, e stavolta, si chiede venia, l'epiteto è stato riportato per dovere di cronaca. Un amico, Ernesto, scrive: «Morta nello stesso giorno di Liliana De Curtis. Se ne vanno due principesse nello stesso giorno». Proprio così, le sia lieve la terra. 

 

Ultimo aggiornamento: 4 Giugno, 00:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA