Napoli, guerra agli store di patatine fritte. Donna incinta: «Chiusa in casa per i cattivi odori». I negozianti: siamo in regola

Martedì 29 Luglio 2014 di Alessandro Bottone e Marina Cappitti
Napoli, guerra agli store di patatine fritte. Donna incinta: «Chiusa in casa per i cattivi odori». I negozianti: siamo in regola

Segui Il Mattino su Facebook, clicca qui



Dopo Salerno - dove sono scattati i sigilli - anche a Napoli comincia la battaglia legale contro gli store di patatine fritte. «Non hanno la canna fumaria ed il presunto abbattitore di odori e rumori non funziona, sfiatano direttamente in casa mia» denuncia A. C., donna incinta di due gemelli preoccupata per la sua salute e per la sua gravidanza.

Il negozio che ha aperto lo scorso 17 luglio in pieno centro partenopeo si trova al primo piano del suo palazzo. «Oltre ad essere immobilizzata a casa - racconta - sono costretta a stare con le finestre chiuse immersa nella puzza, ogni tre ore scendo giù al palazzo per respirare e poi di nuovo a letto». Motivi che l'hanno spinta a fare un esposto al Comune di Napoli e all'Asl, una comunicazione scritta ai Nas, una comunicazione telefonica e di persona ai carabinieri e ai vigili urbani.

Uno dei proprietari del locale commerciale ha riferito che tutti i parametri sono stati rispettati e che le attività si svolgono nella piena regolarità. Hanno inoltre dichiarato di aver rilasciato tutta la documentazione necessaria all’Asl di competenza, sicuri di essere nella piena correttezza.

Leggi Il Mattino per tre mesi a soli 9.99€ - Clicca qui per la PROMO

Ultimo aggiornamento: 21:55