Napoli. Incurabili: la Procura indaga sui fondi europei

di Paolo Barbuto Leandro Del Gaudio

Vogliono capire se c'erano finanziamenti utili ad evitare lo scempio di questi giorni. O meglio: vogliono stabilire se c'erano finanziamenti pubblici da spendere; se sono stati utilizzati e in che modo. Parte da qui l'inchiesta sulle lesioni e sul rischio crollo del complesso monumentale degli Incurabili, parliamo dell'ospedale sorto su una collina napoletana per dare ristoro ai malati che non trovavano ricovero in altri ospedali, i cosiddetti «incurabili». Inchiesta condotta dai pm Stella Castaldo e Federica D'Amodio, sotto il coordinamento del procuratore aggiunto Giuseppe Lucantonio, che punta a fare chiarezza su una delibera del Comune di Napoli, che porta la data del 24 maggio del 2014.

Cinque anni fa, dunque, un provvedimento amministrativo che ha un contenuto esplicito: «Approvazione del progetto definitivo dell'intervento determinato complesso degli incurabili dell'importo complessivo di 4 milioni, nell'ambito del grande progetto centro storico di Napoli - valorizzazione del sito Unesco - finanziamento por Campania fesr 2007/2013Z».

Una delibera destinata a finire al centro del fascicolo, che punta anche a verificare eventuali responsabilità nel dissesto idrogeologico che sta a monte di crolli e smottamenti, che hanno poi provocato il trasferimento di parte dei tesori della storica farmacia in altri musei cittadini.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 20 Aprile 2019, 08:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP