Napoli, nove arresti oggi: tra gli indagati anche Gianluigi Aponte patron di Msc

L'accusa è di corruzione e traffico di influenze in concorso, lui si dichiara etraneo ai fatti

Gianluigi Aponte è indagato per corruzione e traffico di influenze
Gianluigi Aponte è indagato per corruzione e traffico di influenze
Venerdì 18 Novembre 2022, 15:13 - Ultimo agg. 19 Novembre, 00:04
2 Minuti di Lettura

Figura anche l'imprenditore Gianluigi Aponte, 82 anni, nato a Sorrento ma residente a Corsier, in Svizzera, tra le 44 persone indagate dalla Procura di Napoli nell'ambito di accertamenti espediti dalla Guardia di Costiera e finalizzati a fare luce su una serie di episodi di corruzione legati alle concessioni marittime. Ad Aponte gli inquirenti contestano la corruzione e il traffico di influenze in concorso.

L'imprenditore sorrentino sarebbe coinvolto, secondo gli inquirenti, insieme con altri indagati, in una vicenda riguardante la redazione di due atti finalizzati a consentire l'ingresso nel porto sorrentino di Massa Lubrense di due motonavi, la «Apollo» e la «Defino I», di proprietà di società riconducibili ad Aponte e all'imprenditore Salvatore Di Leva in deroga a un'ordinanza della Capitaneria di Porto di Castellammare di Stabia che invece vieta l'approdo in quel porto a navi di lunghezza superiore ai 15 metri.

Video

Il traffico di influenze, anche questo in concorso, è invece contestato in relazione al trasferimento e all'assegnazione di personale definito dagli inquirenti «compiacente» nelle capitanerie di Porto di Massa Lubrense e Amalfi.

Immediata la difesa. «Aponte, per il quale non è stata richiesta alcuna misura cautelare, si ritiene completamente estraneo ai fatti, e lo stesso giudice ha ritenuto che non ci siano indizi su un suo contributo» come risulta a pagina 210 dell'ordinanza. È quanto afferma un portavoce di Gianluigi Aponte in merito all'inchiesta della Guardia di Finanza. Prosegue il portavoce: Aponte «resta in ogni caso fiducioso sull'attività della magistratura».

© RIPRODUZIONE RISERVATA