Sisma a Ischia, partite le verifiche
del Cfs: Hanno funzionato i sistemi antisismici di due secoli fa

Martedì 29 Agosto 2017
Terremoto sull’Isola d’Ischia: a Casamicciola è arrivata la task force del Cfs, il Centro Formazione e Sicurezza in edilizia di Napoli per fornire consulenza gratuita per la messa in sicurezza degli immobili danneggiati dal terremoto e lo sgombero delle macerie. L’iniziativa è stata decisa dal presidente e dal vice presidente del Cfs, Paola Marone e Giovanni Passaro. Il gruppo di lavoro composto da Sergio Burattini, Giuseppe Auriemma, Luigi Sorrentino, Ciro Crescentini ha svolto sopralluoghi in cinque cantieri e immobili.


“Alcuni immobili hanno subito danni lievi, necessitano, però, della messa in sicurezza e di adeguati interventi di ordinaria manutenzione – precisa l’ingegnere Sergio Burattini, consulente del Cfs – Le antiche Terme di Piazza Bagni, invece, risultano completamente inagibili. In questo edificio hanno comunque resistito, laddove presenti, le cosiddette ‘murature beneventane’ ovvero il sistema antisismico del periodo borbonico, costituito da muratura rinforzata da una rete di elementi in legno, in grado di assecondare gli scuotimenti imposti all’edificio dalle scosse sismiche”.


Questo sistema antisismico fu adottato in Calabria dal governo del Regno delle Due Sicilie, immediatamente dopo il catastrofico terremoto del 1783, che distrusse gran parte della Calabria meridionale, con un bilancio di circa 30 mila vittime. Si tratta del primo regolamento antisismico d’Europa, varato circa 200 anni prima delle attuali norme sulla sicurezza degli edifici. La normativa raccomandava l’utilizzo di una rete di legno nella parete in muratura. Il Cfs è un organismo paritetico per la formazione e la sicurezza in edilizia gestito dall’Acen, Associazione costruttori edili di Napoli e provincia e dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori edili Fillea Cgil, Filca Cisl, Feneal Uil. Obiettivi: la diffusione della cultura della prevenzione e della sicurezza sul lavoro nel settore delle costruzioni.
© RIPRODUZIONE RISERVATA