Napoli, l’ospedale delle formiche:
la pista dei parcheggiatori abusivi

ARTICOLI CORRELATI
di Ettore Mautone

10
  • 389
I casi di invasioni di formiche al San Giovanni Bosco? Si sono concentrati in maniera inedita ed eclatante in un arco di tempo successivo ad alcune azioni condotte l’estate scorsa dal manager della Asl Napoli 1, Mario Forlenza, per ripristinare la legalità nell’ospedale della Doganella e sarebbero causati da interventi dolosi con scopi perversi. «La notizia di un nuovo caso di formiche all’interno dell’ospedale San Giovanni Bosco - avverte in una nota il direttore dell’azienda sanitaria metropolitana - mentre è in corso un’indagine della Procura sollecitata dalla Asl per accertare gli episodi precedenti, necessita di una riflessione. Appare infatti inverosimile - sostiene Forlenza - e sospetto che si riveli ripetutamente questo problema nonostante le disinfestazioni effettuate. Appare incredibile ad esempio che con una temperatura quasi sotto zero emerga questo problema. Così come appare inspiegabile che avendo allertato anche i Carabinieri del Nas e il servizio disinfestazione per i controlli, si ripeta il fatto. È impossibile pensare che si tratta di episodi spontanei. Accerteremo cosa hanno fatto gli infermieri di turno, capiremo per quale motivo e da dove sia arrivata l’unica formica (questa la dichiarazione dei familiari del paziente resa al medico di turno nella denuncia mentre ne sarebbero state avvistate molte altre fino al condotto dell’aria dalle testimonianze raccolte dalle fonti dal Mattino ndr). Andremo avanti con la stessa determinazione e rigore - aggiunge il manager - con cui abbiamo presentato la denuncia per l’occupazione abusiva dell’area di parcheggio antistante il plesso San Giovanni Bosco».

IL FUTURO
Siamo impegnati nell’espletamento della pubblica gara per la gestione del servizio di pulizia - continua il manager adombrando interessi che possano essere confliggenti con la legalità da collegare ai casi delle formiche - se qualcuno immagina di creare situazioni di emergenza per interferire con questa linea di trasparenza, si sbaglia di grosso. Resta ferma la nostra denuncia agli organi competenti per rapidi accertamenti e rinnoviamo la richiesta già avanzata a questore e prefetto, - conclude - di istituzione di un posto di polizia all’interno dell’ospedale San Giovanni Bosco. Intensificheremo i controlli sulle cattive abitudini di portare alimenti di ogni genere  all’interno delle corsie. E’ previsto per questo ospedale - infine ricorda - un rilevante investimento per la ristrutturazione per circa 7,8 milioni di euro di fondi attesi al via libera da parte del Ministero all’interno del programma di oltre un miliardo presentato lo scorso mese di aprile». 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 3 Gennaio 2019, 23:02 - Ultimo aggiornamento: 4 Gennaio, 16:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2019-01-04 15:13:51
quindi, fosse ero, il consigliere Borrelli è stato "utilizzato" a sua insaputa come divulgatore della notizia?
2019-01-04 13:45:38
Il Mattino pubblica da anni tutte le veline che quotidianamente invia in Redazione l'ex giornalista Borrelli, attualmente Consigliere Regionale, facente parte della Commissione Sanità. Le veline sono il frutto di una ampia rete di informatori creata dal suddetto ex giornalista, in collaborazione con un popolare presentatore di una radio locale. Gente sveglia! La rete di informatori è ampia e diffusa, e serve al Consigliere per raccogliere consensi e popolarità, a scopo ovviamente politico. Non conosco però in che modo il Consigliere ricambi l'impegno e l'attivismo degli informatori, sparsi ovunque. Di certo, nessuna lavora per la gloria! Ma in fondo è tutto legittimo e non ci sarebbe nulla da eccepire se solo il Mattino, prima di pubblicare le notizie, facesse le opportune e doverose verifiche, specie sulle immagini. Ma il Mattino non le effettua, MAI! Se lo facesse, non avrebbe alcuna necessità di riportare puntualmente nel testo della notizia la provenienza della stessa e il nome della fonte. La cronaca del Mattino rappresenta quindi un sicuro spot elettorale per il Politico Borrelli! Le conseguenze di questi fantomatici e ben orchestrati articoli di pseudo-malasanità (che è ben altra cosa!) danneggia in primo luogo la città di Napoli, i napoletani e la Campania. Ma vedo che molti ne approfittano per dileggiare il Governatore non capendo che questi continui, ridicoli scandali danneggiano loro stessi. Se vivono a Napoli!
2019-01-04 12:09:22
lo SQUORNO !!
2019-01-04 11:52:30
la propaganda di destra mafiosa, sui cartacei e notiziari dei beluschini e dei soci GEDI. E vabbeh che volete colpire il mammasantissima lucano governatore (lui si crede Ré)De luca commissario ex della Sanitá, oppure sará lui stesso con i suoi amici casalesiche fa mettere le formiche abusive, come giggino vuole gli abusi africani nella sua cittá.
2019-01-04 11:06:11
forse che i parcheggiatori sono diventati allevatori di formiche?

QUICKMAP