Napoli, la beffa del codice:
niente multe nel cimitero-parking

Venerdì 8 Giugno 2018 di Valerio Esca
Varchi elettronici per regolare l’accesso al cimitero monumentale di Poggioreale. Per adesso soltanto un’idea, ma dopo la denuncia del Mattino del cimitero ridotto a parcheggio (in particolare riferimento alla zona del cosiddetto «quadrato»), da piazza Municipio si vagliano diverse ipotesi, tra cui quella di potenziare i varchi di accesso. «Bisognerà permettere agli anziani e ai disabili di raggiungere le tombe dei propri cari, però crediamo sia necessario potenziare i controlli nelle diverse zone di ingresso. Abbiamo aperto un tavolo con l’assessorato alla Mobilità e stiamo lavorando su diversi aspetti». Così l’assessore comunale ai Cimiteri Alessandra Sardu, che nonostante provi ad essere propositiva è costretta ad ammettere la mancanza di fondi. «Purtroppo senza soldi sarà difficile portare a casa il risultato». 
 
 

Per poter immagine una sorta di zona a traffico controllato nell’area del cimitero, oramai adibita a parcheggio a cielo aperto, ci vogliono fondi e Palazzo San Giacomo non ne ha. «Siamo alla ricerca di linee di finanziamento alle quali attingere. Purtroppo però devo ammettere – spiega Sardu – che il tema dei cimiteri è poco sentito e quel poco che possiamo fare lo facciamo con le nostre forze». Dunque il cimitero rimarrà incustodito ancora per molto? «In realtà la polizia Municipale interviene puntualmente nel cimitero di Poggioreale sia all’esterno sia all’interno» ribadisce Sardu. 

Nel periodo che va dal 1 gennaio al 31 dicembre 2017 e dal 1 gennaio al 30 aprile 2018 siano stati elevati 86 verbali a parcheggiatori abusivi tra via Del Riposo, via Santa Maria del Pianto, via Nuova Poggioreale e nell’emiciclo di Poggioreale. In pratica circa 5 verbali al mese, un po’ poco se si considera la portata della struttura del cimitero, nelle dimensioni da considerare una piccola cittadella. La beffa riguarda però le auto parcheggiate all’interno: «Non si può applicare il codice della strada quindi non si possono verbalizzare le auto» spiegano dal comando dei vigili urbani. Perché? «Perché non esiste un piano di viabilità all’interno del cimitero e dunque l’unica possibilità di non far entrare le auto a Poggioreale e che i custodi si oppongano agli ingressi». 

 

Il quadrato degli uomini illustri è ridotto in uno stato di abbandono assoluto, con busti che di tanto in tanto spariscono e tombe trafugate. «Ho scritto personalmente all’ex ministro ai Beni culturali Franceschini per sollevare questa problematica – ricorda l’assessore Sardu – ma purtroppo non ho mai ricevuto risposta. Ci proveremo con il nuovo esecutivo». 
La cura del verde è affidata a Napoli Servizi, la quale, sottolinea Sardu «effettua diversi interventi, secondo un calendario stabilito». Fatto sta, che ad oggi, il cimitero si presenti in condizioni pietose, dove degrado e abbandono regnano sovrani.  Ultimo aggiornamento: 10:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA