Napoli. «Sporco romano», poi la coltellata: cuoco di fede giallorossa vittima dell'aggressione nel vicolo

ARTICOLI CORRELATI
Segui Il Mattino su Facebook, clicca qui






«Sporco romano» e poi la coltellata: è questa la frase - pronunciata dall'aggressore del cuoco di fede giallorossa ferito lievemente sabato notte in un vicolo a Napoli - che ha fatto scattare le indagini della Digos.



A riferire la frase «sporco romano» è stata la vittima dell'aggressione, nella sua denuncia. Il 25enne tifoso della Roma - accoltellato al gluteo con prognosi di 10 giorni - è aiuto cuoco in un hotel di Napoli e ha un Daspo di tre anni, ancora in vigore, per una rissa tra tifosi giallorossi.



Non risulta essere un assiduo frequentatore della curva Sud dell'Olimpico, nè sembra appartenere a frange estreme del tifo romanista. La Digos della Questura di Napoli fa sapere che è stato aggredito da una sola persona mentre, solitamente, aggiunge la Polizia, gli scontri tra opposte tifoserie avvengono tra gruppi più o meno folti di persone.



Inoltre, l'aggressore non ha fatto alcun riferimento a Ciro Esposito e neppure a Daniele De Santis, l'ultrà della Roma accusato di avere sparato al ragazzo di Scampia.



Tutti elementi che, sempre secondo gli investigatori, rendono meno probabile l'ipotesi che si sia trattato di una vendetta per la morte di Esposito. Le indagini comunque proseguono a 360 gradi.






Leggi Il Mattino per tre mesi a soli 9.99€ - Clicca qui per la PROMO

Lunedì 7 Luglio 2014, 19:36 - Ultimo aggiornamento: 8 Luglio, 09:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP