Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, linea 10 della metropolitana:
via libera ai fondi da Corte dei Conti

Lunedì 16 Maggio 2022
Napoli, linea 10 della metropolitana: via libera ai fondi da Corte dei Conti

Con il via libera della Corte dei Conti, è ufficiale il finanziamento di 800 milioni per la Linea 10 della metropolitana cittadina da parte del Ministero delle Infrastrutture e Mobilità sostenibile.  Ente beneficiario: il Comune di Napoli, mentre è l'Eav ente attuatore. Il finanziamento consentirà di realizzare la tratta Afragola, Casoria, Casavatore fino alla stazione di Di Vittorio-Capodichino dove la Linea 10 si connetterà con la Linea 1. Con l'ulteriore finanziamento di 350 milioni di euro previsto dal Cipess si proseguirà fino a piazza Carlo III, passando per ex Leonardo Bianchi e piazza Ottocalli, arrivando ad un finanziamento record di quasi 1,2 miliardi di euro.

Nel corso della prossima Finanziaria è previsto anche il prolungamento ad Afragola Alta Velocità da un lato e Napoli centro dall'altro, pervenendo ad un totale di 2 miliardi. Oltre 200.000 abitanti saranno connessi alla rete metropolitana senza utilizzare l'auto e senza inquinare Napoli. E si completerà il collegamento rapido fra le due stazioni AV, l'aeroporto e il porto. Il progetto di fattibilità è gia pronto, la gara partirà entro il 2022 terminando nel primo trimestre 2023 (il termine dei lavori è previsto a fine 2027). «Si tratta di uno straordinario successo della sinergia istituzionale tra Comune e Regione. Un nuovo passo verso una mobilità integrata tra città e area metropolitana nel segno dell'efficienza e della sostenibilità», commenta il sindaco Gaetano Manfredi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA