Napoli, metropolitana di Miano: bando da 350mila euro per le opere d'arte

Stanziamento di Eav per la prima delle quattro stazioni che collegheranno l'aeroporto a Piscinola per la chiusura dell'anello

La stazione di Miano in costruzione
La stazione di Miano in costruzione
Paolo Barbutodi Paolo Barbuto
Sabato 13 Aprile 2024, 18:52 - Ultimo agg. 18:57
2 Minuti di Lettura

Napoli, la stazione della Metropolitana di Miano non è ancora aperta ma è già pronta ad accogliere le opere d'arte che la caratterizzeranno, così come tutte le stazioni della Linea 1. E' stato appena varato un bando da 350mila euro per sette interventi artistici che dovranno caratterizzare quel luogo.

 


il bando è stato aperto dall'Eav che si occupa della realizzazione delle quattro stazioni che collegheranno l'aeroporto con Piscinola e determineranno la chiusura dell'anello della metropolitana di Napoli. La conclusione dei lavori per le quattro stazioni è previsto nel 2028. Nel frattempo parte la ricognizione per l'arte.
Oltre a  quella di Miano, Eav sta realizzando anche le stazioni di Regina Margherita, Secondigliano e Di Vittorio. Il filo conduttore per le oepre d'arte nelle quattro stazioni saranno i quattro elementi naturali per eccellenza: la terra (stazione di Miano), il fuoco (stazione di Secondigliano), l’aria (stazione di Di Vittorio) e l’acqua (stazione di Regina Margherita).
Gli artisti pronti ad esprimersi sul tema della "terra" dovranno proporre interventi basati sul materiale «inteso come elemento alchemico che simboleggia la materia primordiale, accoglie la vita e la nutre - spiega la nota di Eav che accompagna il bando -  Il colore utilizzato nel progetto esecutivo riproduce diverse cromie del verde; questo colore è legato indissolubilmente anche al concetto del green e della sostenibilità ambientale. Le opere d’arte, dovranno ispirarsi a questi due concetti e dovranno essere site specific per la Stazione di Miano».
Gli artisti portenno presentare le loro opere fino al 16 maggio 2024 utilizzando i canali ufficiali dei bandi Eav.

© RIPRODUZIONE RISERVATA