Napoli, la vendetta della camorra: due uomini uccisi in auto

ARTICOLI CORRELATI
di Melina Chiapparino

0
  • 360
La camorra torna a sparare: due uomini a bordo di un'auto sono stati uccisi a colpi d'arma da fuoco nella seconda traversa di via Janfolla, all' altezza dell'isolato 1, nel quartiere di Miano. Sul posto sono giunti i carabinieri e i mezzi di soccorso del 118. Le due vittime sono Antonio Mele, 57 anni, e Biagio Palumbo, 53 anni, ex affiliati al clan Lo Russo transitati nel clan dei Nappello: erano a bordo di una Peugeot quando sono stati avvicinati dai killer che gli hanno esploso contro colpi di pistola. 
 

Mele era sorvegliato speciale ed aveva precedenti di vario tipo mentre a Palumbo erano stati contestati piccoli precedenti. Nel quartiere di Miano è così tornata la paura. Il 30 settembre del 2016 ancora un duplice omicidio, per una faida tra il clan Lo Russo, i cosiddetti 'capitoni' e un gruppo scissionista della stessa cosca. Le due vittime furono attirate in una trappola visto che furono uccise in una zona dove non si sarebbero dovute 'trovare', essendo considerata la roccaforte del clan avversario. Domenico Sabatino, 40 anni, figlio di Ettore, ex boss, pentito, e Salvatore Corrado, di 37 anni, appartenevano ad una frangia staccatasi dal nucleo centrale dei Lo Russo per acquisire autonomia nella gestione delle estorsioni. Undici i colpi di pistola esplosi nell'occasione, tra la folla, mentre i due viaggiavano su una moto di colore bianco.
 
 
Mercoledì 7 Febbraio 2018, 19:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP