Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, Maria Paola morta perché amava un trans, fratello a giudizio per omicidio volontario

Mercoledì 3 Marzo 2021
Napoli, Maria Paola morta perché amava un trans, fratello a giudizio per omicidio volontario

Il gup di Nola ha rinviato a giudizio Michele Antonio Gaglione, 31 anni, accusato dell'omicidio volontario della sorella, Maria Paola, la giovane ventenne morta la notte tra il 10 e 11 settembre scorsi, ad Acerra, a causa di una rovinosa caduta dallo scooter guidato dal compagno transgender Ciro Migliore, che era inseguito dal 31enne.

LEGGI ANCHE Ciro Migliore arrestato per droga 

Il processo inizierà il prossimo 7 aprile davanti alla prima sezione della Corte di Assise di Napoli. Secondo gli inquirenti l'incidente in cui Maria Paola trovò la morte fu provocato proprio da Michele Antonio (difeso dall'avvocato Giovanni Cantelli), che era contrario alla relazione tra Ciro e la sorella. Al processo è stata ammessa la costituzione di parte civile dell'Arcigay. 

Video

Ultimo aggiornamento: 20:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA