Morto al San Paolo, arriva la task force: apparecchiature nuove e mai installate

di Maria Pirro

  • 11
Tornano i poliziotti in ospedale, al San Paolo di Fuorigrotta, per acquisire la documentazione sulla morte di Eduardo Estatico, il 72enne per ore in pronto soccorso, sabato scorso, alla ricerca di cure. E, per questo, anche gli ispettori del ministero sono in arrivo: inviati d'urgenza con i carabinieri del Nas, gli esperti dell'Agenas (l'agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali) e dell'Istituto superiore di sanità. La task force è chiamata a chiarire «se a determinare il decesso abbiano contribuito difetti organizzativi e se siano state rispettate tutte le procedure previste a garanzia della qualità e sicurezza delle cure». Così le inchieste a diventano tre: oltre a questi ultimi accertamenti e al fascicolo aperto dalla Procura, su denuncia della famiglia, c'è l'indagine interna avviata dalla Asl Napoli 1 Centro. «Non vogliamo coprire nessuno, ma accertare eventuali responsabilità», dice il direttore sanitario del presidio, Michele Ferrara, ieri nel suo ufficio impegnato a ricostruire l'accaduto.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 12 Febbraio 2019, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 12-02-2019 11:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP