Napoli, movida blindata tra Chiaia e Vomero: raffica di multe e sequestri

  • 30
Durante i consueti controlli del fine settimana, gli agenti dell’unità operativa Chiaia hanno presidiato la zona del Lungomare, Molo Beverello e piazza Trieste e Trento sequestrando molta merce venduta abusivamente. Due venditori ambulanti, sono stati verbalizzati  per aver posto in vendita merce in aree interdette all’itineranza con una sanzione di 1.000 euro. Inoltre, un venditore di dolciumi in via Cesario Console è stato verbalizzato per aver occupato suolo pubblico in eccedenza. In via Toledo, in prossimità della Galleria Umberto I, un negozio di abbigliamento di quadratura superiore ai 300 mq è stato verbalizzato con una sanzione di 5.000 euro perché risultato privo delle autorizzazioni per la vendita. In piazza Amedeo e a Posillipo due fiorai sono stati verbalizzati e diffidati per aver occupato abusivamente suolo pubblico con la merce mentre i fiori sono stati devoluti in beneficenza.

In merito ai controlli ambientali una nota pizzeria è stata sanzionata in piazza Vittoria per aver collocato i bidoni della differenziata all’esterno dell’attività con modalità e orari non consentiti e tra via Giordano Bruno e piazza dei Martiri sono stati sanzionati cinque cittadini che depositavano rifiuti fuori orario.

Alta è sempre l’attenzione per il contrasto ai parcheggiatori abusivi e in particolare in via Martucci e via Campiglione è stato fermato un parcheggiatore abusivo trovato in possesso di 19 chiavi lasciate dai clienti che gli avevano affidato l’auto. Il parcheggiatore è stato verbalizzato e allontanato dal luogo mentre i proprietari dei veicoli invitati in ufficio sono stati diffidati. Inoltre sono stati verbalizzati in via Carducci, via Imbriani, via San Pasquale, Largo Principessa Pignatelli, piazza Vittoria, via Chiatamone e viale Dohrn 23 parcheggiatori abusivi ed elevati 268 verbali di sosta. Nella zona dei baretti di Chiaia sono stati elevati 26 verbali per la sosta in area pedonale e transito controsenso. Inoltre, un locale in via Cavallerizza è stato verbalizzato con 1.000 euro perché diffondeva musica senza osservare la prescrizione di tenere le porte chiuse. Invece un locale di recente apertura in via Bisignano che diffondeva musica è stato sanzionato perché è risultato sprovvisto di autorizzazione.

Ancora, in via Petrarca una pattuglia è riuscita a recuperare gli oggetti dimenticati da una coppia di turisti irlandesi su un bus che effettua il giro turistico della città. Appena ricevuta la richiesta di aiuto dalla coppia di turisti, gli agenti si sono messi alla ricerca del bus sul probabile itinerario recuperando il telefonino e il portafogli con carte di credito e 500 euro in contanti dimenticati sul sedile. La coppia di turisti, al momento della restituzione, ha espresso ringraziamenti e complimenti per l’operato della polizia municipale.

Gli agenti del nucleo mobilità turistica hanno effettuato massicci controlli alla Stazione Marittima dove hanno controllato 57 taxi, sanzionandone 6 per irregolarità nello svolgimento del servizio con consequenziale segnalazione al corso pubblico. Individuato anche un soggetto che abusivamente aveva trasportato turisti stranieri dall’aeroporto al Molo Beverello per 130 euro. Il tassista abusivo è stato sanzionato e l’auto sottoposta a fermo per due mesi. Anche in piazza Trieste e Trento, dopo segnalazione di annuncio pubblicitario sui social e appostamenti, è stato intercettato un tassista abusivo che trasportava turisti dal centro all’aeroporto per 50 euro. Anch’esso è stato verbalizzato con una sanzione di 169 euro e l’auto sottoposta a fermo da due a otto mesi. In via Caracciolo, invece, è stato sottoposto a controllo un pulmino recante sulla fiancata “servizio navetta” che, da verifica dell’abitacolo, è risultato avere 11 posti anziché 9 come da omologazione. Il proprietario è stato verbalizzato con una sanzione di 422 euro per modifica delle caratteristiche costruttive del veicolo con ritiro della carta di circolazione.

Infine gli agenti della polizia locale hanno controllato tre bed & breakfast alla Riviera di Chiaia e a uno di loro è stata applicata la sanzione di 300 euro per non avere esposto la tabella con le tariffe.

Ancora, in via Ventaglieri, gli agenti dell’unità operativa Avvocata hanno sorpreso in un seminterrato una attività completamente abusiva di somministrazione di cibi e bevande e a carico del responsabile sono stati elevati verbali per un ammontare di 10.000 euro. 

Parimenti, continuano i controlli serrati da parte del reparto motociclisti della polizia locale che in piazza Trieste e Trento ha sottoposto a sequestro amministrativo 32 motoveicoli per diverse violazioni: dalla mancata copertura della assicurazione contro terzi, alla guida senza requisiti ma anche per motoveicoli già sottoposti a fermo amministrativo. Sempre il reparto motociclisti nel weekend  e nelle zone della movida ha verbalizzato e diffidato 61 parcheggiatori abusivi elevando ben 610 verbali e disponendo la rimozione forzata di sei veicoli. 

Numerosi controlli sono stati effettuati anche presso le attività commerciali lungo le arterie del Vomero e dell'Arenella, dove sono stati elevati sette verbali in quanto i titolari occupavano abusivamente o eccedevano l’occupazione rispetto ai metraggi autorizzati. In via Luca Giordano venivano sanzionate due attività di somministrazione per occupazione difforme in quanto avevano installato i teli in pvc agli ombrelloni e fissati al suolo. In via Scarlatti veniva accertata un’occupazione abusiva attraverso il posizionamento di un gazebo con tavoli e sedie. Per il titolare di un’attività di somministrazione veniva elevata la sanzione per la mancanza di nulla osta impatto acustico, nello specifico, erano in atto esecuzioni musicali con impianti professionali con le porte aperte del locale senza alcuna autorizzazione. Per tutte le attività seguirà la segnalazione agli uffici competenti per l’emissione della diffida prevista per reiterazione dell’occupazione abusiva o per l’applicazione della stessa perché attività recidive.

Continua anche l’attività a tutela della salute dei consumatori: in via Pietro Castellino è scattata la sanzione per per il titolare delle attività di frutta e verdura, colpevole di occupazione di suolo pubblico abusivo, mentre la merce è stata sequestrata e distrutta perché alimenti a contatto con gli agenti atmosferici e pertanto dannosi per la salute dei consumatori. Stessa sorte anche per un venditore di frutta e verdura in via Altamura, multato anche per la vendita senza alcuna autorizzazione in quanto totalmente abusivo,.

Gli agenti del Vomero hanno sanzionato anche  due autorimesse in via Luca Giordano e in via Cotronei  perché anche sulla rampa di accesso del garage erano in sosta i veicoli e il titolare è stato sanzionato anche per la tabella pubblicitaria senza alcuna autorizzazione, mentre per il titolare dell’attività di via Cotronei veniva informata l’autorità giudiziaria perché non rispettava il numero imposto dal certificato prevenzione incendi avendo un numero di veicoli superiore a quanto prescritto.

Continuano anche gli appostamenti, in abiti civili, allo scopo di perseguire cittadini e negozianti sullo sversamento dei rifiuti fuori dagli orari consentiti. Sono stati verbalizzati sette utenti per lo sversamento al di fuori degli orari. In via Luca Giordano è stato verbalizzato il titolare di una casa vacanze il quale continuava a pubblicizzare sui siti la propria attività ma che a richiesta delle autorizzazioni ne risultava sprovvisto. In via Niutta venivano sequestrate le attrezzature e la merce di un fioraio in quanto sebbene autorizzato in forma itinerante, permaneva sullo stesso posto per oltre quattro ore pertanto considerato a posto fisso privo delle specifiche autorizzazioni.

Presidiate le arterie del quartiere interessate dalla movida in via Aniello Falcone sono stati elevati 84 verbali mentre in via Cilea e lungo la direttrice piazza Vanvitelli, via Bernini, piazza Fanzago, via Morghen e via Cimarosa, venivano contravvenzionati 77 veicoli. Venivano fermati, identificati e verbalizzati 6 parcheggiatori abusivi a cui veniva intimato ad horas il divieto di proseguire l’attività el’allontanamento dal posto e agli stessi venivano confiscati i proventi.
Domenica 13 Maggio 2018, 13:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP