Natale a Napoli, varchi blindati e senso unico per i pedoni ai Decumani

Domenica 14 Novembre 2021 di Gennaro Di Biase
Natale a Napoli, varchi blindati e senso unico per i pedoni ai Decumani

È in arrivo da palazzo San Giacomo l’ordinanza sul contingentamento degli accessi ai Decumani per il periodo di Natale. Le date in cui di sicuro sarà in vigore il dispositivo vanno dall’8 dicembre al 6 gennaio 2022, ma l’amministrazione sta lavorando per anticipare il più possibile le limitazioni del flusso pedonale tra San Gregorio Armeno e via Tribunali. Dati alla mano, l’ombra lunga del Covid sta infatti, e purtroppo, tornando a riaffacciarsi a Napoli e non solo, con l’Italia che tornerà a «colori» in funzione delle fasce di rischio. Le prenotazioni turistiche già fioccano in città e, stando alle presenze dell’ultimo weekend di Halloween-Ognissanti, in cui si è registrata un’occupazione camere del «90%» (cifre anche superiori al pre-Covid) bisognerà scongiurare eventuali impennate di contagi. Insomma sarà un Natale da vivere, ma con cautela. 

Il sopralluogo arriverà in queste ore. Sulla scia del 2019, saranno due i varchi presidiati da vigili e Protezione Civile. San Domenico e via Duomo: ecco i punti d’accesso in cui saranno bloccati i pedoni in caso di sovraffollamento dei vicoli stretti del cuore di Napoli. «Napoli è ridiventata capitale del turismo, e in tantissimi cammineranno nelle vie dei presepi e nei Decumani nel periodo natalizio - spiega l’assessore alla Polizia Locale Antonio De Iesu - La decisione di contingentare gli accessi va vista anche nell’ottica della lotta al Covid, col virus che purtroppo sta riprendendo forza. I flussi andranno gestiti con dei varchi e andranno interrotti quando il concentramento di persone sarà elevato. La rete viaria, lì, è un imbuto e dovremo impedire che si verifichino disagi che potrebbero danneggiare l’indotto per gli stessi bottegai. Ci faremo aiutare dalle telecamere piazzate nelle aree interessate. Similmente a quanto disposto nel 2019, sarà istituito un senso unico a salire verso piazza san Gaetano e da San Gaetano non si potrà scendere verso San Gregorio Armeno. I varchi d’accesso al quadrato dei Decumani saranno disposti in via Duomo e in piazza San Domenico. Faremo il massimo sforzo con polizia municipale e Protezione Civile. Sono passate solo tre settimane dal nostro insediamento e non c’è stato il tempo per intervenire con l’acquisto di conta persone ad hoc, ma per l’anno prossimo ci muoveremo in questa direzione. Il dispositivo di contingentamento degli accessi sarà attivo sicuramente dall’8 dicembre all’Epifania. Ma stiamo valutando di anticiparne l’entrata in vigore. Oggi stesso farò un sopralluogo con il comandante della polizia municipale Ciro Esposito». I controlli potrebbero avvenire anche con l’aiuto delle radio, con comunicazioni live tra gli agenti sulle presenze. 

Altro aspetto decisivo riguarda le vendite. Il Natale 2021 è essenziale per salvare le botteghe dopo la tremenda crisi economico-pandemica. Il sovraffollamento eccessivo non giova agli affari: «Dopo le chiusure dell’anno scorso tutto quello che viene è guadagnato - sospira Marco Ferrigno, tra i più noti pastorai di San Gregorio - Giusto il contingentamento: non sappiamo chi è vaccinato e chi no, e le regole del distanziamento vanno rispettate. Dal punto di vista economico, limitare il flusso potrebbe evitare che la folla venga trascinata a ondate: darà più tempo per visitare le vetrine e selezionare gli acquisti. Evitiamo di congestionare San Gregorio Armeno nei prossimi weekend, quando ci sono carovane di turisti».

Video

Resta poi l’attesa per le autorizzazioni sull’occupazione di suolo per le bancarelle, che dovrebbe arrivare in settimana assieme alle autorizzazioni per gli stalli delle fiere, per cui si aspetta l’imminente operatività dei parlamentini. «Il contingentamento degli accessi sarà essenziale anche per aiutare le attività commerciali - conclude l’assessora alle Attività Produttive Teresa Armato - Ne abbiamo avuto conferma dopo l’enorme afflusso che c’è stato nel weekend di Halloween Ognissanti: dalle associazioni di bottegai di San Gregorio Armeno ci è stato riferito che la folla era così tanta che risultava difficile per i turisti fermarsi ad acquistare pastori, statuine e gadget. L’ordinanza a cui stiamo lavorando risponde, dunque, sia a esigenze di sicurezza sociale e sanitaria, sia a esigenze commerciali. Stiamo lavorando con le municipalità e tutti gli operatori coinvolti affinché sia un Natale gioioso e tranquillo per napoletani e turisti». 

Ultimo aggiornamento: 15 Novembre, 18:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA