Napoli, l'ospedale Cardarelli e le ambulanze dei clan: «Tutto vero, sono pronto a fare i nomi»

di Leandro Del Gaudio

1
  • 702
«Lavorare al Cardarelli? È impossibile. E ben venga l’inchiesta della Dda sulle ambulanze in odore di camorra al Cardarelli, sono pronto a denunciare, mi auguro che al più presto un magistrato mi ascolti sullo scandalo delle croci dentro e fuori alcuni ospedali». Parla con determinazione Guido Bourelly, amministratore dell’omonimo gruppo che dal 1957 si occupa anche di trasporto di pazienti in ospedale.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 22 Luglio 2019, 23:00 - Ultimo aggiornamento: 23 Luglio, 13:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-07-23 07:07:54
Sono pronto a fare i nomi: se fai una denuncia la devi fare completa o forse nessuno gli ha chiesto chi fossero quelli legati alla camorra e allora le cose iniziano a farsi complicate.

QUICKMAP