Napoli, permesso premio al killer del vigilante: verifiche sulla scorta

ARTICOLI CORRELATI
di Leandro Del Gaudio

  • 307
Quella festa non era autorizzata. O meglio. Chi ha firmato il permesso premio a uno degli assassini del vigilante lo ha fatto senza sapere che c'era una tavola imbandita e delle candeline da spegnere; senza sapere che il detenuto stava lasciando il carcere per andare a festeggiare il suo 18esimo compleanno. È questa la spiegazione più plausibile del caso scoppiato a pochi giorni dal processo d'appello per la morte di Franco Della Corte, il vigilante massacrato un anno fa all'esterno della metropolitana di Piscinola.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 11 Settembre 2019, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 11-09-2019 11:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP