Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, al Policlinico Federico II rimosso tumore di 13 kg: la storia della signora Carla

Mercoledì 27 Luglio 2022
Napoli, al Policlinico Federico II rimosso tumore di 13 kg: la storia della signora Carla

Tredici chili di peso, 40x40x50 cm di dimensione: sono queste le caratteristiche del tumore retroperitoneale asportato pochi giorni fa a Carla (nome di fantasia per tutelarne la privacy), 50enne della provincia napoletana. L'intervento è stato effettuato al Policlinico Federico II di Napoli dall'equipe chirurgica capitanata dai professori Michele Santangelo e Vincenzo D'Alessandro, responsabile della Uosd di Chirurgia generale e delle patologie retro peritoneali dell'Azienda federiciana.

La paziente, a seguito della comparsa di anemia, astenia e dimagrimento, ma in assenza di altri segni o sintomi, ha eseguito degli esami diagnostici di primo livello che hanno evidenziato un'enorme massa addominale. Si è quindi rivolta alla Federico II ed in particolare a Santangelo, che in passato aveva già affrontato casi simili. «A livello mondiale - sottolinea Santangelo - sono pochissimi i tumori di queste dimensioni, con queste caratteristiche e che presentano la possibilità di intraprendere un percorso di cura e di completa ripresa per il paziente. Una sfida chirurgica che è stata affrontata grazie alle competenze multidisciplinari e alle tecnologie all'avanguardia, alcune di recentissima acquisizione, di cui l'Azienda federiciana è dotata. L'intervento è stato condotto in maniera lineare e senza alcuna problematica intraoperatoria grazie alla cooperazione e alla sinergia tra tutte le professionalità coinvolte».

Video

L'iter diagnostico intrapreso al Policlinico Federico II ha consentito di definire con esattezza l'origine retroperitoneale dell'enorme neoplasia, le sue dimensioni e rapporti, il coinvolgimento del rene destro nel processo neoplastico, l'interessamento della vena cava nonché́ la presenza di enormi e numerosi circoli collaterali vicarianti le funzioni della vena cava compromessa. Una diagnosi effettuata grazie alle indagini Tc, Rmn, Pet e istologiche eseguite dai professori Massimo Imbriaco, Luigi Camera, Ciro Mainolfi, Pietro Venetucci, Mario Quarantelli, Luigi Insabato delle Uoc di Diagnostica per immagini e radioterapia, diretta da Arturo Brunetti, Medicina nucleare e dello Sport, diretta da Alberto Cuocolo, e Anatomia patologica, diretta da Stefania Staibano.

Ultimo aggiornamento: 21:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA