Napoli, truffa un'anziana spacciandosi
per suo nipote: preso con 4mila euro

Sabato 23 Maggio 2020

Aveva appena truffato un'80enne di Posillipo, dalla quale si era fatto consegnare 4.100 euro spacciandosi per il nipote e chiedendole di consegnare i soldi a un corriere in cambio di un pacco. I Carabinieri del nucleo operativo Vomero e Posillipo hanno arrestato per truffa aggravata P.C., 26enne di Acerra ( Napoli) già noto alle forze dell'ordine. Era lui il finto «nipote» e «corriere», fermato in via Manzoni da una pattuglia dei Carabinieri impegnata nei servizi di controllo predisposti dal Comando provinciale di Napoli. I militari hanno trovato in suo possesso 4.100 euro e, grazie a una rapida indagine, sono riusciti ad accertare che i soldi erano il provento della truffa appena consumata.

LEGGI ANCHE Corruzione all'Asl Napoli 3, sequestrati 7 milioni a imprenditore dei Casalesi

Il 26enne si è finto suo nipote e in una telefonata ha chiesto alla donna di accettare un pacco ordinato giorni prima sul web, consegnando al corriere 4.100 euro. La vittima ha accolto il finto corriere, ricevuto il pacco e consegnato la somma: la confezione conteneva solo un vecchio volume di un'enciclopedia medica. Il 26enne arrestato è stato portato nel carcere di Poggioreale.
«La truffa agli anziani è un reato odioso, perpetrato nei confronti di persone meritevoli della nostra attenzione e del nostro affetto», commenta il generale Canio Giuseppe La Gala, comandante provinciale dei Carabinieri di Napoli.«Persone che hanno sacrificato la propria vita per gli affetti: non è giusto che vengano raggirate in modo subdolo da questi delinquenti. Ecco perché uno dei nostri obbiettivi principali è la tutela delle fasce deboli, con particolare riferimento agli anziani», conclude.

© RIPRODUZIONE RISERVATA