Napoli, la professoressa della lite
tra due ragazzi a scuola: uno
sempre gioioso, l'altro più riservato

ARTICOLI CORRELATI
  • 1
Il ferimento di M.E. è avvenuto all' esterno della scuola, al termine delle lezioni. Lo precisa la professoressa Francesca Amirante, insegnante di Italiano nella classe frequentata dal ragazzo accoltellato. M.E. e il responsabile del ferimento frequentano entrambi la terza media, ma non sono compagni di classe. «Il ragazzo accoltellato è una persona amabile: sempre gioioso, pronto a partecipare alle iniziative extrascolastiche. L'altro ragazzo, l'accoltellatore,  invece è più riservato, meno aperto o fuori controllo». La lite di oggi - secondo l' insegnante - sarebbe nata «da alcuni sfottò tra i due, ma non si può escludere che ci sia anche una ragazza contesa». Il ragazzo ferito viene descritto dall' insegnante come una persona ben voluta da tutti. «Aveva perso un paio di anni perché arrivava spesso in ritardo e faceva assenze, ma è molto buono di carattere». Di carattere chiuso ed introverso, invece, il feritore. «Ha frequentato alcuni laboratori pomeridiani con me - dice l'insegnante - e comunque non ha un carattere violento»
Giovedì 6 Ottobre 2016, 19:12 - Ultimo aggiornamento: 07-10-2016 15:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP