Parcheggiatori abusivi, a Napoli arriva la stretta: vietato «adescare» clienti

Nel regolamento del Consiglio Comunale le norme in materia di sicurezza urbana

Parcheggiatori abusivi
Parcheggiatori abusivi
Lunedì 5 Dicembre 2022, 21:15 - Ultimo agg. 6 Dicembre, 07:25
3 Minuti di Lettura

Il Consiglio comunale di Napoli ha approvato a maggioranza il nuovo Regolamento di polizia e sicurezza urbana.

Nel regolamento vengono individuati i «comportamenti molesti o in grado di ledere la pubblica incolumità», le «misure a tutela dell'igiene, disposizioni contro il maltrattamento degli animali», le «misure a tutela della salute», le forme di «tutela delle aree e dei beni storici, artistici, monumentali e dei luoghi di culto».

Nel regolamento vengono anche dettate norme in materia di sicurezza urbana e decoro nello svolgimento delle attività commerciali e artigianali, con riferimento allo svolgimento su suolo pubblico o ad uso pubblico dell'attività di riparazione veicoli o di altre attività artigianali e agli obblighi di pulizia da parte degli esercenti.

Il consigliere di maggioranza Rosario Andreozzi, del gruppo Napoli Solidale Europa Verde, ha espresso voto contrario.

C'è anche il divieto di 'adescare' clienti per i parcheggi nel nuovo Regolamento. Tra le altre misure: obbligo di mettere in sicurezza gli immobili dismessi; una procedura più snella per sanzionare le occupazioni abusive di suolo pubblico; divieto di consumo di alcolici in strada dopo le 24; possibilità di revoca della licenza commerciale in caso di reiterazione di comportamenti sanzionati, quali, ad esempio, la vendita di alcolici a minori o dopo le 3 di notte e il mancato rispetto delle norme sull'impatto acustico.

Norme contro la movida selvaggia, dunque, ma non solo, perchè il nuovo Regolamento (il precedente risale al 2001) stabilisce anche «misure a tutela dell'igiene» e disposizioni contro il maltrattamento degli animali«, così come le »misure a tutela della salute« e »delle aree e dei beni storici, artistici, monumentali e dei luoghi di culto«. Secondo il sindaco Gaetano Manfredi le regole fissate, »scritte a tutela soprattutto dei cittadini più fragili, sono in armonia con le norme nazionali e contemperano opposti interessi, dei cittadini, delle attività imprenditoriali e di chi viene in città per turismo«. »Si devono ascoltare tutti - ha aggiunto il primo cittadino - ma vogliamo avere norme forti contro chi vuole prevaricare e non comportarsi nel rispetto degli altri«. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA