Napoli, riparte la diagnostica della Radiologia al Loreto Mare: via alla task force dell’Asl

di Melina Chiapparino

Riparte la diagnostica della Radiologia all’ospedale Loreto Mare, bloccata per giorni a causa di un’avaria del macchinario. Dal 29 marzo scorso, nel presidio di via Vespucci, l’assistenza radiografica era stata interdetta, causando rallentamenti e il trasferimento dei pazienti per le consulenze radiografiche. I tempi di assistenza risultavano ulteriormente allungati per l’indisponibilita’ del Vecchio Pellegrini, ospedale della Pignasecca dove si potevano trasferire solo i pazienti che necessitavano di radiografie su tratti ossei corti dal momento che l'apparecchio per la diagnostica dei tratti lunghi, come il femore, non è stato ancora installato.

Da ieri pomeriggio, dopo due interventi tecnici che si sono susseguiti nel giro di 24 ore, il macchinario è stato ripristinato a pieno regime. La radiologia del Loreto, ora, funziona regolarmente e sono stati anche recuperati i ritardi sulla diagnostica che riguardava sia i pazienti ricoverati d’urgenza che le prenotazioni ordinarie. Al Vecchio Pellegrini, invece, si attende da due mesi, l’installazione di un apparecchio digitale affinché siano garantiti tutti i tipi di radiografie.

A questo proposito, la direzione generale dell’Asl Napoli 1 coordinata dal neocommissario Ciro Verdoliva, ha avviato una procedura di ricognizione e monitoraggio di tutti gli apparecchi di ingegneria biomedica in dotazione ai presidi e agli ambulatori su tutto il territorio.Il primo obiettivo raggiunto da questa attività di controllo della diagnostica, sarà inaugurato lunedì prossimo, 8 aprile, con l'attivazione della risonanza magnetica nel presidio Asl di corso Vittorio Emanuele.

La riattivazione della risonanza inciderà notevolmente sui tempi delle liste di attesa nell’ambito dell’Asl Napoli che per oltre un anno ha dovuto fare a meno del macchinario finalmente ripristinato.
Mercoledì 3 Aprile 2019, 13:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP