Finti insegnanti di sostegno,
rogo per far sparire le prove

Lunedì 10 Dicembre 2018 di Leandro Del Gaudio
Finti insegnanti di sostegno, rogo per far sparire le prove

Altro che vandalismo, altro che episodio scellerato e fine a se stesso. Era un attentato mirato, con una precisa strategia criminale finalizzata, che puntava ad un obiettivo in particolare: distruggere le tracce di una colossale farsa, eliminare le possibili prove di una serie di falsi costruiti a tavolino. È questa l'ipotesi principale per spiegare quanto avvenuto lo scorso due dicembre - una domenica mattina - all'interno degli uffici del Provveditorato agli studi di Salerno. Il rogo, le fiamme, fumo nero, nessun furto, tanti sospetti, qui nel palazzone di Fuorni, un edificio sul quale ora ha acceso i propri riflettori la Procura di Napoli. Un'inchiesta tutta partenopea sui diplomi da assegnare agli aspiranti insegnanti di sostegno, che devia improvvisamente su Salerno, proprio alla luce di quelle fiamme dolose denunciate otto giorni fa dal Mattino. Ma andiamo con ordine, a ricostruire un puzzle che parte da Napoli e che trova nel palazzo di via Monticelli a Salerno una delle sue tessere principali. Si parte da una inchiesta sui diplomi facili, o meglio, su veri e propri diplomifici che consentono a tanti aspiranti prof di accedere alla graduatoria e ambire all'insegnamento.
 
Sotto i riflettori, in particolare, la specializzazione per chi aspira a diventare insegnante di sostegno, una delle corsie più delicate delle offerte formative della scuola italiana. Inchiesta rigorosamente sotto traccia (al lavoro il pm Di Dona, magistrato in forza al pool reati contro la pubblica amministrazione), fino a quando dalla Procura viene inoltrata una richiesta di esibizione atti, nel tentativo di visionare registri, attestati, documenti amministrativi, ma anche tanti profili individuali di candidati ritenuti quanto meno sospetti. Ed è la richiesta di esibizione atti ad allertare qualcuno. La Procura di Napoli bussa alla porta degli uffici regionali, indicando quali sono i documenti che intende visionare, fino ad elencare con precisione le carte che possono risultare utili a spingere in avanti l'inchiesta sugli insegnanti di sostegno. Fin qui tutto chiaro e tutto rigorosamente coperto da segreto, salvo poi approdare in uno degli uffici regionali che si occupano di formazione scolastica. È da qui che probabilmente parte la soffiata, perché è solo a questo punto che qualcuno decide di far scattare un piano di emergenza. Si muove una «talpa», si mette in moto un sistema di salvataggio. Fatto sta che pochi giorni dopo la richiesta di acquisizione di documenti all'ufficio della pubblica istruzione in seno alla regione Campania, si verifica l'incendio di Salerno. Domenica mattina, dunque, provveditorato agli studi nel rione Monticelli, siamo in un ufficio che ingoia e conserva anche migliaia di pratiche di aspiranti prof napoletani, secondo una distribuzione che punta a decongestionare il capoluogo regionale e a spalmare su tutto il territorio campano il carico di concorsi e di abilitazioni: ecci l'incendio, le fiamme, il fumo nero che invade la zona. Immediata la prima stima dei danni, con una serie di dati oggettivi che non sfuggono a chi a Napoli è al lavoro sul mercato dei finti diplomi: le fiamme sono state appiccate all'ultimo piano dell'edificio di via Monticelli, una sorta di grande archivio dove sono custoditi registri e verbali.

Era il punto chiave dell'inchiesta napoletana, la prova che mancava a chi negli ultimi tempi aveva spulciato le carte di alcuni istituti e scuole di specializzazione indicati da tempo come «diplomifici» a tutti gli effetti. Un intero archivio è andato in fumo, un raid organizzato e mirato, come appare evidente dal percorso usato dai piromani. Sono entrati dalla porta principale, rompendo vetri, scassinando le serrature e hanno ignorato tutto il resto dell'istituto. Non hanno preso computer, non hanno cercato soldi, non si sono impossessati di altri beni di valore, ma hanno puntato dritto all'ultimo piano. Quanto basta a ipotizzare una clamorosa fuga di notizie - ovviamente non giornalistica ma interna all'ufficio regionale -, dietro un rogo doloso che sulle prime sembrava un semplice atto vandalico. Ma torniamo a Napoli, proviamo ad approfondire il focus delle indagini sugli attestati di idoneità per gli insegnanti di sostegno. Truffa e falso sono le accuse battute dalla Procura di Napoli, sono centinaia i casi di interesse investigativo. Stando all'ipotesi battute in queste ore dai pm, ci sarebbero anche alcuni insegnanti attualmente in servizio che hanno fatto carriera consegnando documenti falsi, riuscendo a strappare un posto in graduatoria grazie a diplomi non in regola. In tanti sono al lavoro - specie in alcune scuole del nord Italia -, dopo aver pagato alcuni esponenti di un'organizzazione su cui sono in corso le indagini della Procura di Napoli. Soldi in cambio di un falso diploma, soldi per l'accesso a un concorso o a una abilitazione professionale, soldi in cambio di una corsia privilegiata per un posto da insegnante di sostegno. Un'inchiesta condotta dal pool mani pulite della Procura di Napoli che, proprio in questi giorni, è stato riorganizzato dal procuratore per rispondere alle esigenze investigative del territorio. E non è un caso che tra le sezioni interne al pool, c'è un gruppo di lavoro che si occupa di indagini su quanto avviene nei concorsi pubblici per l'assegnazione di un posto di lavoro. Dai concorsi per l'accesso alle forze armate ai diplomifici, passando per le strane fiamme appiccate una domenica mattina negli archivi del Provveditorato di Salerno, la partita è solo all'inizio.

Ultimo aggiornamento: 11 Dicembre, 06:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA