Napoli, ambulatorio del Corso senza Tac:
la nuova non viene installata dal 2018

Giovedì 12 Dicembre 2019

Doveva essere un poliambulatorio esemplare, quello del corso Vittorio Emanuele, a Napoli. Poi, un po' incredibilmente, si è fermata la Tac. Perché vecchia. Perché guasta. Perché si è esaurito il tubo radiogeno. Niente di nuovo: le condizioni della Tac erano state segnalate all'Asl da almeno un paio di anni, ma nessuno ha fatto nulla, così alla fine la Tac si è fermata. E i pazienti sono stati costretti a rivolgersi altrove, nella gran parte dei casi ai privati che si sono così arricchiti un po' di più.

LEGGI ANCHE Campania, stop ai centri privati: «Noi, malati di cancro senza Tac e analisi»

La parte allucinante della storia dell'ambulatorio di Corso Vittorio Emanuele è che la nuova Tac è stata, nel frattempo comprata, espressamente per il presidio del Corso. Soltanto che, come spiega Carlo Landolfi, del gruppo «Noi conto la malasanità» non viene né installata né attivata. E i pazienti continuano ad andare dai privati. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA