Napoli, sbaglia il bonifico e paga la multa 2.870 euro: dopo un anno è arrivato il rimborso

ARTICOLI CORRELATI
di Nunzia Marciano

  • 133
Giustizia è (finalmente) fatta: dopo più di un anno e soprattutto dopo l’intervento del Mattino che ha raccontato la notizia, il Comune di Napoli ha finalmente rimborsato un onesto e fin troppo scrupoloso cittadino napoletano, Alfredo Barbatelli, che il 2 febbraio del 2018 aveva erroneamente pagato all’amministrazione arancione una multa stradale ben 100 volte il suo valore (2.870 euro anziché 28,70 euro). Barbatelli, resosi conto del clamoroso errore, aveva prontamente fatto richiesta di rimborso per la somma versata e non dovuta ma da allora tutto terribilmente taceva: «Avevo provato a contattare anche i vigili urbani», racconta il contribuente, «ma mi avevano dato ben poche speranze dicendomi che i tempi sarebbero potuti arrivare anche a due anni perché il Comune non aveva fondi».

Il caso portato alla ribalta dal Mattino era stato poi ripreso da siti web, testate e radio, tra cui Radio24 che aveva anche sentito lo stesso sindaco di Napoli Luigi De Magistris, il quale, nel corso della rubrica radiofonica Burofollie di Alessandro Milan, aveva dato la “colpa” all’emergenza rifiuti e al terremoto (del 1980) per cui il Comune aveva le mani legate. Una vicenda che aveva davvero del paradossale soprattutto perché era complicato capire alla fine chi dovesse pagare, o meglio, rimborsare del non dovuto: l’ufficio competente non era più, infatti, quello legale della polizia municipale, ma quello dei servizi finanziari in seno al Comune, che però a sua volta, una volta stabilito la bontà della richiesta, aveva provveduto a stabilire il rimborso che però doveva essere materialmente effettuato dall’ufficio ragioneria, sempre del Comune di Napoli, che poteva però operare il bonifico solo dopo l’ok dell’ufficio bilancio. Insomma, la semplicità non era affatto di casa in questa intricata vicenda, anzi.

Alla fine comunque l’intervento del Mattino in primis, ha dato i suoi frutti e oggi dalla ragioneria è arrivato l’agognato bonifico della cifra eccedente, ovvero 2.829 euro. «Non ci credo ancora!», la reazione di Barbatelli alla vista del bonifico: «In tutta questa vicenda mi sono sentito persino fin troppo “preciso” per aver pagato dopo nemmeno mezz’ora la multa presa col mio scooter e il fatto di non ricevere il rimborso che mi spettava mi portava a non avere nessuna fiducia nella giustizia, nemmeno per una cosa in fondo così semplice. Ed è per questo che ringrazio tutti i giornalisti che hanno parlato della mia storia. Il primo ringraziamento, ovviamente, va all’avvocato Ferruccio Fiorito al quale mi ero rivolto per il recupero della somma e che mi ha sconsigliato di intraprendere un’azione giudiziaria vista la particolare tutela del Comune in sede esecutiva, suggerendomi di contattare, invece, il Mattino. Ancora un grazie a tutti!». Insomma, tutto è bene quel che il Comune alla fine (giustamente) rimborsa al cittadino onesto. 
Venerdì 22 Febbraio 2019, 14:00 - Ultimo aggiornamento: 22-02-2019 17:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP