Napoli, sbarre e muretti di cemento abusivi rimosse a Pianura

Venerdì 30 Ottobre 2020

Cinque sbarre ed un muretto di cemento abusivi, che ostacolavano la viabilita a Pianura, quartiere della periferia occidentale di Napoli, sono stati rimossi stamattina dalle forze dell'ordine nell'ambito di un'operazione disposta dal prefetto di Napoli, Marco Valentini

Grosse sbarre, le cui chiavi erano in possesso solo di poche persone, impedivano di fatto l’accesso e il libero transito dei veicoli. Una intollerabile prevaricazione che andava avanti da trent’anni e che è stata finalmente debellata con un intervento concordato nel corso di numerosi tavoli per l’ordine pubblico e la sicurezza tra prefettura e IX Municipalità. 

LEGGI ANCHE Whirlpool Napoli chiude: gli operai tornano in piazza 

«Oggi è stato realizzato un intervento di fondamentale importanza per il territorio – ha spiegato il presidente della IX Municipalità Lorenzo Giannalavigna – con un impatto enorme per Pianura, venendo posta fine a una situazione anomala che resisteva da oltre un trentennio, tanto da costituire un unicum in tutta la città di Napoli. Una intera porzione di quartiere imprigionata da sbarre e muri posti abusivamente ora definitivamente liberata e restituita alla collettività. Nel corso degli anni – spiega il numero uno del nono parlamentino – si erano accumulate denunce ed istanze per quella che era diventata una situazione ormai insostenibile a causa dell’aumento della densità abitativa della zona, tanto da costituire una seria questione di ordine pubblico e sicurezza. Abbiamo portato con forza la questione sui tavoli di osservazione fatti con la prefettura ed è stata maturata la decisione di intervenire per riportare legalità e sicurezza. Ringraziamo il prefetto di Napoli per la sua sensibilità e per averci aiutato a mettere fine ad uno scempio che non poteva più essere tollerato». 

Ultimo aggiornamento: 15:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA