Tamponi agli studenti, a Napoli il progetto pilota non decolla

Lunedì 20 Settembre 2021 di Ettore Mautone
Tamponi agli studenti, a Napoli il progetto pilota non decolla

Covid, test nelle scuole sentinella: a Napoli e provincia si inizia con una settimana di ritardo rispetto al primo squillo di campanella scattato il 15 settembre. I tamponi salivari per i test molecolari su alunni nella fascia di età che va da 6 a 14 anni nelle scuole primarie e secondarie di primo grado scontano un ritardo nella partenza dovuto a esigenze organizzative. I prelievi infatti vanno fatti ogni settimana anche se i risultati vanno trasmessi al ministero, ai fini della sorveglianza nazionale, ogni 15 giorni. A Napoli, tuttavia, solo giovedì prossimo sarà possibile ritirare i primi campioni e procedere alle analisi di amplificazione genica in grado di rilevare la presenza di Sars-Cov-2 nei campioni biologici perdendo terreno sul piano della tempestività. 

Cosa ha rallentato il programma? In realtà le Asl si sono trovate nelle condizioni di non poter fare diversamente pur avendo individuato, soprattutto a Napoli, con tempestività, sin dal 10 settembre, la platea delle scuole coinvolte che peraltro andrà allargata per procedere a rotazione nei test programmati. Le Asl hanno infatti avuto dal ministero il modulo del consenso informato lunedì o martedì, dunque a ridosso della partenza delle lezioni. Hanno dovuto trasmetterli alle scuole, queste hanno dovuto inoltrarli ai genitori per richiedere l’autorizzazione e per individuare i volontari. Il tutto è avvenuto entro lo scorso venerdì. Ora le scuole devono stilare gli elenchi dei ragazzi che hanno aderito e i dipartimenti di prevenzione delle Asl stampare le etichette personalizzate con le anagrafiche e i codici degli alunni. Una settimana si è persa dunque per l’organizzazione preliminare. Per le tre Asl di Napoli e provincia sono previste le analisi di 1.610 tamponi ogni sette giorni (3.230 ogni 15 giorni). Pertanto i rilievi saranno raddoppiati entro venerdì per raggiungere gli standard previsti dalla sorveglianza ogni quindici giorni. Su scala nazionale si ipotizza una prevalenza di positivi del 3% ed i relativi errori statistici verranno campionati dal ministero su circa 54.663 alunni ogni 15 giorni in una prima fase. 

Video

Il cronoprogramma della Asl Napoli 1 finalizzato alla prima somministrazione dei tamponi salivari prevede dunque che oggi sia trasmesso dagli istituti scolastici il “consenso informato” per l’adesione al Piano. Da domani e fino a venerdì a cura degli istituti scolastici scatterà il completamento della raccolta delle firme dei genitori per ogni singolo alunno aderente. Contemporaneamente da oggi, entro le ore 12, ci sarà la consegna dei kit per i tamponi salivari per ogni singolo Istituto scolastico, distinti per classi ed etichettato con i dati di ogni singolo aderente. Martedì e mercoledì ogni scuola consegnerà kit per i tamponi ad ogni singolo studente aderente volontario al piano di screening. Giovedì mattina entro le 9 ci sarà poi la raccolta a scuola dei campioni salivari. I tamponi dovranno essere raccolti distinti per classi e ricomposti negli appositi contenitori utilizzati alla consegna. Sempre giovedì entro le 12 gli addetti dei dipartimenti di prevenzione delle Asl raccoglierà i campioni biologici per la consegna, entro le 14, ai laboratori di riferimento (in questo caso il Cotugno) che impiegherà circa 24 ore per i risultati da trasmettere alle autorità sanitaria regionali e nazionali. Nel caso emergessero studenti positivi scatteranno le misure di contenimento previste dal Piano nazionale. A Napoli sono coinvolte 38 classi della scuola primaria di I grado di 11 istituti (55° Circolo Didattico di Napoli De Vito Piscicelli, Istituto comprensivo statale Bovio Colletta, Scuola Media Statale D’Ovidio Nicolardi, Istituto comprensivo Statale G. Falcone, il comprensivo statale A.Moro, la Savio Alfieri, la Scuola secondaria di I grado Tito Livio, il Comprensivo 58 J. F. Kennedy, il 19 Russo Montale, il Pascoli 2 e infine il comprensivo statale Gemito). 

Ultimo aggiornamento: 21 Settembre, 07:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA