Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, scuola Rotondella, il dietrofront: può ancora essere salvata

Mercoledì 13 Aprile 2022 di Paolo Barbuto
Napoli, scuola Rotondella, il dietrofront: può ancora essere salvata

Due settimane fa il vicesindaco Filippone aveva annunciato in diretta web, durante un forum del nostro giornale, che il futuro sulla scuola abusiva di via Rotondella era già scritto: «Sarà demolita». Ieri il vicesindaco Filippone ha annunciato, durante un’audizione in commissione istruzione che il futuro di quella scuola non è stato ancora scritto: «Stiamo valutando, nulla è definito».

La vicenda è quella della scuola dei Camaldoli costruita dal Comune che ha dimenticato di chiedere i permessi. Sicché attualmente la struttura, quasi completata, è considerata abusiva e la Soprintendenza ha chiesto di intraprendere i percorsi ufficiali, quelli che conducono all’abbattimento. La vicenda è nata nel 2002 ma oggi, a vent’anni di distanza, se ne pagano le conseguenze.

Quando sulla vicenda è stato chiesto un parere a Filippone, vicesindaco e assessore alla scuola, durante il forum del Mattino, le sue parole (trascritte testualmente) sono state queste: «O si abbatte o si completa, noi non possiamo aspettare più tanto tempo. Mo’ una decisione deve essere necessariamente assunta. La nostra idea, lo dico molto chiaramente, è di riedificare la scuola, un bel comprensivo per i bambini della zona dei Camaldoli dove è attualmente la Nazareth-Musto. Lì (alla Rotondella ndr) interpretiamo la vocazione di quel luogo, quello è un bosco, è un posto meraviglioso, bellissimo (quindi lei è per abbatterla? - chiede l’interlocutore. Filippone annuisce) e per fare lì parco delle colline. I soldi del Pnrr potrebbero arrivare anche per questo obbiettivo, ed è questa la fase di studio nella quale siamo attualmente».

 

Una seduta della commissione istruzione, presieduta da Aniello Esposito, è stata convocata ieri mattina sul tema della Rotondella. Erano attesi gli assessori Cosenza, Lieto e Filippone, s’è presentata solo quest’ultima che, dopo aver fatto un resoconto sulla storia della scuola, ha fornito la sua versione sull’abbattimento: «Come Giunta non abbiamo preso ancora alcuna decisione. Stiamo facendo una valutazione tecnica ed economica». 
Poi ha chiarito: «Nel corso del forum al Mattino io ho solo espresso la mia opinione personale: posso io personalmente assumere queste decisioni?». Ora sappiamo, dunque, che il vicesindaco di Napoli quando esprime le sue personali opinioni parla di se stessa usando il plurale maiestatis («la nostra idea...», «è questa la fase in cui siamo attualmente...»), l’importante è averlo saputo.
Nel corso del suo intervento, Filippone ha chiarito che la questione «È all’attenzione del sindaco Manfredi che ha aperto un’interlocuzione con il Ministero. Solo al termine sapremo se la questione dei vincoli può essere superata e quindi decidere di conseguenza».
Il vicesindaco ha anche spiegato di aver saputo che sulla questione della Rotondella «ci sono indagini in corso da parte della Corte dei Conti e anche della Procura».
 

Ultimo aggiornamento: 14 Aprile, 17:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA