Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, sparatoria dopo un incidente nella Sanità: fermato un 37enne per tentato omicidio

Martedì 9 Novembre 2021
Napoli, sparatoria dopo un incidente nella Sanità: fermato un 37enne per tentato omicidio

Venerdì sera un uomo, dopo aver assistito ad un sinistro stradale nel corso del quale un giovane, a bordo di un motociclo, aveva investito una donna in via Vergini, ha soccorso la vittima e trattenuto il conducente impendendogli di allontanarsi dal luogo dell’incidente.

In quei frangenti è giunto il padre del ragazzo il quale, dopo aver sferrato un pugno all’uomo, si è allontanato minacciandolo che, di lì a poco, sarebbe tornato.

Poco dopo, l’aggressore è ritornato sul posto armato di una pistola calibro 7,65 ed ha esploso alcuni colpi all’indirizzo dell’uomo che, ferito ad un braccio e a una gamba, si è riparato in un esercizio commerciale; l’indagato lo ha inseguito e, una volta all’interno, ha continuato a sparare ferendo altre due persone attingendone una alla gamba.

Video

Sabato i poliziotti della squadra mobile e del commissariato San Carlo Arena, grazie alle descrizioni fornite dalla vittima e alla visione delle immagini dei sistemi di videosorveglianza del negozio e di altri esercizi commerciali della zona, hanno individuato e rintracciato il presunto aggressore presso la sua abitazione dove hanno rinvenuto diversi capi di abbigliamento corrispondenti a quelli utilizzati per commettere il reato.

L'uomo, un 37enne napoletano con precedenti di polizia, è stato sottoposto a fermo  poiché gravemente indiziato di tentato omicidio, spari in luogo pubblico e lesioni che, ieri, è stato convalidato dall’Autorità Giudiziaria che ha disposto per l’indagato la custodia cautelare in carcere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA