In tre mesi 45 motorini sequestrati: tolleranza zero, i numeri del flop

ARTICOLI CORRELATI
di Gigi Di Fiore

17
  • 128
Il ragazzino senza casco che sfreccia impunito sul suo motorino, magari con un amico sul sellino posteriore, è uno dei topos di Napoli. L'immagine dell'illegalità che dà fastidio, ma finisce per essere tollerata accompagnata appena da smorfie di disgusto.

Tolleranza zero annunciò il 16 gennaio scorso in Prefettura il ministro dell'Interno, Marco Minniti. Più sequestri, più rispetto delle regole, meno cultura giustificativa furono proclamati nella riunione convocata sull'allarme baby gang. Era uno dei punti, forse quello più concreto e immediato, del piano «sicurezza giovani» che il ministro lanciava.
 

Cosa è successo da allora? Sabato sera, a piazza Trieste e Trento, su un camion dell'Aci c'erano non meno di una ventina di motorini sequestrati. Era uno dei servizi di controllo, organizzati da Questura e polizia municipale anche per rispondere all'invito di Minniti. Tolleranza zero e da fine gennaio a fine marzo sono stati sequestrati in tutta la città 323 motorini. In 45 casi, si trattava di ragazzini che guidavano senza casco. Per gli altri 297 casi erano invece tutti motoveicoli senza l'assicurazione.

«Sono le due tipologie principali di violazioni amministrative che motivano i sequestri - spiega il comandante della Polizia municipale, Ciro Esposito - Siamo organizzati con un calendario di controlli, nel corso della settimana e tenendo sempre presente le condizioni meteorologiche, su diverse zone della città».
I controlli, naturalmente, sono fatti dagli agenti della polizia municipale insieme con agenti di polizia statale, o carabinieri o uomini della guardia di finanza. D'altro canto, il ministro Minniti annunciò anche l'arrivo di cento uomini in più delle forze dell'ordine a Napoli, assegnandone 40 alla polizia, 40 ai carabinieri e 20 alla guardia di finanza.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 11 Aprile 2018, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 11-04-2018 20:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2018-04-11 17:13:17
sindaco e questore a casa ma di corsa
2018-04-11 15:56:18
'O paese 'e Pullecenella!
2018-04-11 15:38:49
Sono 60 anni che sento sempre le stesse cose. Probabilmente c'è una volontà politica nazionale che ha interesse nel non voler cambiare la realtà sociale di questa città.
2018-04-11 17:01:25
Purtroppo è così, come suol dirsi, "na mano lava 'nata". Ed il popolo che sta in mezzo, le busca da tutti e due.
2018-04-11 13:43:50
Tolleranza zero si. Ma in salsa napoletana.......

QUICKMAP