Tentato suicidio al liceo Mercalli, in bagno una scritta col sangue: «Sorry»

ARTICOLI CORRELATI
di Maria Chiara Aulisio

Si è chiuso in bagno durante l'ora di inglese, i compagni pensavano che lo avesse fatto perché non aveva voglia di seguire la lezione ma le sue intenzioni purtroppo erano ben altre. Un'azione premeditata la sua: il coltello con cui ha provato a togliersi la vita tagliandosi le vene dei polsi lo aveva portato da casa, nascosto nello zaino, e anche il breve biglietto con cui si congedava da parenti e amici era già scritto.

Liceo Mercalli: sono da poco passate le nove quando il ragazzo, sedici anni, iscritto al quarto anno nell'istituto scientifico di via Andrea d'Isernia, chiede alla professoressa di lasciare l'aula: «Ho bisogno di andare in bagno, torno subito». La lezione di inglese intanto prosegue. Dopo circa un quarto d'ora anche altri due ragazzi hanno bisogno di andare in bagno, una richiesta che richiama l'attenzione della docente su quell'assenza un po' troppo lunga: «Ma il vostro compagno non è ancora tornato? Raggiungetelo e ditegli di fare presto». Gli studenti obbediscono, entrano in bagno e bussano all'unica porta chiusa: «Ci ha risposto subito, ha detto occupato. Era lì da quasi mezz'ora, è vero, ma non ci siamo preoccupati più di tanto, abbiamo pensato che volesse saltare l'ora di inglese, ogni tanto può succedere, ci si attarda un po' per non tornare in classe». È al cambio dell'ora che l'insegnante, quella di italiano, decide di andare in bagno a recuperare il ragazzo. Bussa e ribussa lo studente risponde a fatica, con una voce flebile, ma non apre la porta, forse perché ha già perso molto sangue e non ha più la forza di farlo o forse perché ha deciso di andare avanti e portare a termine il suo drammatico piano.

A questo punto scatta l'allarme in istituto: la docente corre in presidenza, allerta subito il bidello, chiama a raccolta tutto il personale e in pochi minuti la porta viene buttata giù mentre, contemporaneamente, qualcuno chiama l'ambulanza che raggiunge la scuola in poco meno di dieci minuti. Da qui la corsa in ospedale: il ragazzo viene trasportato al Loreto Mare dove i medici riscontrano numerose ferite da arma da taglio, ai polsi ma anche su gambe e addome, che chiudono con circa quaranta punti di sutura. Non solo. I sanitari riscontrano sul corpo di quel sedicenne vecchie cicatrici che il ragazzo potrebbe essersi procurato da solo usando, probabilmente, sempre un coltello.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 6 Dicembre 2017, 10:01 - Ultimo aggiornamento: 06-12-2017 10:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP