Ugo Russo, baby rapinatore ucciso a Napoli: il giallo dei proiettili e del cadavere spostato

Venerdì 21 Maggio 2021 di Leandro Del Gaudio
Ugo Russo, baby rapinatore ucciso a Napoli: il giallo dei proiettili e del cadavere spostato

Due colpi al petto, poi il giovane rapinatore che fa qualche passo indietro. Non è finita: ci sono almeno altri due colpi che vengono esplosi non a distanza ravvicinata, tanto che il cadavere verrà trovato a ridosso dello scooter, come in un ultimo gesto disperato: quello di accendere il mezzo e scappare via. Scena molto meno chiara di quanto possa sembrare, in cui - a distanza di quindici mesi - non sono chiari due punti in particolare:...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 22 Maggio, 18:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA