Nasce a Napoli l'osservatorio sul mondo del by night italiano

ombni, facenight, movida
Parte da Napoli un nuovo progetto legato al panorama dell’intrattenimento notturno: la nascita dell’OMBNI ovvero il primo “Osservatorio sul mondo del by night italiano”.

Fautori dell’iniziativa, Tommy Totaro e Antonello Fornaro, ideatori e organizzatori del “Premio Facenight - l’Oscar della notte”, che da sette anni punta i riflettori sulla qualità, la cultura e l’originalità di coloro che lavorano nel clubbing campano e non solo.

«Il mondo della notte spesso viene additato, ingiustamente, come un luogo ambiguo e di perdizione – spiega il giornalista Tommy Totaro, presidente dell’Osservatorio -, ma non si può fare di tutta l’erba un fascio. Nei locali lavorano anche tantissime persone straordinarie che meritano di essere conosciute e celebrate. Il nostro intento da sempre è quello di mettere in risalto il volto pulito della movida. Lo facciamo da sette anni col Premio Facenight e ora continueremo a perseguire doppiamente l’obiettivo anche con l’Osservatorio, che consentirà di monitorare l’ambiente, non sempre ligio alle regole, 365 giorni all’anno. In tanti – continua – ci considerano ormai un punto di riferimento del settore e spesso raccogliamo lamentele in merito a lavori affidati a personaggi improvvisati e decisamente poco affidabili, che creano solo scompigli e problemi ai professionisti, ai locali e ai loro avventori: vedi gli addetti alla security. Ci batteremo – conclude Totaro – con azioni mirate e concrete affinché tutto proceda secondo le norme per evitare che momenti dedicati al divertimento si trasformino in tragedie, come purtroppo è già avvenuto in un recente passato».

Tra le prime iniziative nate dalla sinergia tra Premio Facenight ed OMBNI, il contest “C’è musica nell’aria”, che prevede l’esposizione delle immagini selezionate, prima il 12 e 13 maggio al Palapartenope di Napoli, nell’ambito della manifestazione Disco Days, e successivamente ad Amsterdam dal 25 al 28 dello stesso mese durante il “Manifesto Film Festival”.

«Abbiamo ricevuto oltre 100 foto - spiegano Tommy Totaro e Antonello Fornaro – ma solo 16 arriveranno in finale. Due, le sezioni: quella “Social”, che vedrà votare gli habitué della notte tramite “like” sulla nostra pagina Facebook e quella “Tecnica”, con giuria di qualità presieduta dal fotografo Giorgio Cappiello dell’Associazione culturale Bunker di Caserta. L’idea del concorso – sottolinenano – nasce in considerazione del fatto che non basta acquistare una macchina supertecnologica per considerarsi fotografi e svendere immagini o peggio ancora regalarle – concludono – svilendo il mercato nel mondo del by night e non solo. Siamo per la qualità e per il giusto compenso». 

 
Venerdì 4 Maggio 2018, 17:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP