Nautica, Campania pronta a ripartire: «Ecco i nostri saloni: gozzi superstar»

Martedì 28 Settembre 2021 di Antonino Pane
Nautica, Campania pronta a ripartire: «Ecco i nostri saloni: gozzi superstar»

Le note e positive arrivate dal Salone di Genova confermano che la Campania con la nautica vive momenti floridi per fatturato ed acquisti. Non è un caso, quindi, che le esposizioni fieristiche di moltiplicano. Napoli direttamente o indirettamente è al timone di ben 3 appuntamenti nautici entro la fine della prossima primavera. Tutto fa capo a Gennaro Amato, un costruttore, ma anche timoniere che ha dimostrato di saperci fare. «Nonostante il periodo difficile - ha detto - che ha messo in ginocchio molte aziende ed eventi, la nautica registra numeri vincenti. La crescita di domanda di gozzi, gommoni e di barche, tra i 6 e 16 metri, ha favorito la cantieristica regionale specialista, grazie a brand storici e nuove aziende, del segmento. Inoltre le nostre due strutture - continua Amato - Afina e Snidi, hanno lavorato su due fronti differenti ma paralleli.

Da una parte, con Afina, siamo riusciti a regalare a Napoli un salone nautico internazionale capace di promuovere sia la produttività nautica e sia il posizionamento geografico di capitale del Mediterraneo della nostra città. Il tutto sconfiggendo gli ostacoli istituzionali del Comune di Napoli e della Soprintendenza che hanno impedito da anni un'evoluzione espositiva di livello, che Napoli meritava, bocciando i nostri progetti sul lungomare. L'appuntamento ha tra le sue principali caratteristiche la data autunnale, che rappresenta un giusto momento per le contrattazioni e che consente di tenere le barche, vista la stagionalità, sempre più in acqua. Inoltre la crescente domanda favorisce anche la contrattazione, oltre i nuovi modelli, della gestione e cessione dell'usato. Con Snidi, invece, abbiamo realizzato un progetto che consentisse alla nostra produttività, particolarmente fiorente nel segmento 6/16 metri, di avere un salone dedicato nel nord Italia».

Ma vediamo il dettaglio. Si parte col Salone Nautico Internazionale di Bologna (30 ottobre 7 novembre). L'esposizione si svolgerà per il secondo anno e si basa su un contratto in scadenza con BolognaFiere sino al 2029 ed è dedicata all'intera filiera della nautica con particolare attenzione al settore produttivo di imbarcazioni dai 6 ai 18 metri di lunghezza. Quest'anno la fiera si sviluppa su 3 padiglioni con un totale di 24.800 metri quadri e vede già l'aumento di aziende partecipanti e l'ampliamento anche al mondo della vela con alcune partecipazioni di costruttori importanti del mondo velico italiano. E ora Napoli.

Navigare ora è un Salone Nautico Internazionale (20 - 28 novembre) C.N. Posillipo e Molo Luise Afina per l'edizione autunnale ha raddoppiato gli spazi espositivi con le prove in acqua grazie all'accordo definito con la società internazionale del Gruppo Luise. Il totale degli espositori presenti, che consentiranno di vedere e provare oltre 130 imbarcazioni in acqua, supererà le 50 aziende produttrici e di filiera. Inoltre Afina ha definito una partnership con la Banca di Credito Cooperativo di Napoli presieduta da Amedeo Manzo, che sosterrà con strumenti appositi sia gli armatori sia le imprese del settore.  E poi il NauticSud (12 20 febbraio alla Mostra d'Oltremare). Dopo la pausa forzata per la chiusura delle fiere del 2021, si torna alla normalità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA