Napoli, il neomelodico star del concerto abusivo a Bagnoli: ​folla e caos in piena notte

Venerdì 10 Luglio 2020 di Giuseppe Crimaldi

Le vie e le piazze di Napoli trasformate di notte in arene, e quando non sono le turbolenze della movida a far passare le notti in bianco agli incolpevoli residenti ci pensano happening e anche concerti improvvisati. Ma, soprattutto, non autorizzati. Due episodi l’altra notte, con concerti improvvisati in via Enea, dove si festeggiava un battesimo, e in via Campi Flegrei. In entrambi i casi è dovuta intervenire la Polizia di Stato per interrompere musica e schiamazzi notturni. Uno degli episodi è documentato da un video diffuso dal consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, che ha denunciato un presunto concerto abusivo a Bagnoli in piena notte. Nessuna autorizzazione, nessuna richiesta di occupazione del suolo pubblico a quanto emergerebbe dalle prime notizie: sul palco si vede Niko Pandetta, affermata ugola nel panorama neomelodico partenopeo. 

LEGGI ANCHE Concerto con dedica ai camorristi, il questore chiude il bar di Niko Pandetta

Come sempre più spesso accade, a lanciare l’ “evento” era stato lo stesso Pandetta sui social: «Tra poco saremo a Bagnoli in concerto». E in tanti - come documentano i video diffusi da Borrelli - si sono accalcati in strada nel quartiere della periferia occidentale per applaudire il loro divo. «Musica neomelodica a tutto volume, schiamazzi e affollamento di persone, l’altra notte - scrive il consigliere regionale dei Verdi su Facebook - e alla fine è intervenuta la polizia. Non è la prima volta e non sarà l’ultima se non fermiamo chi non rispetta le regole». Un concerto neomelodico in piena notte con tanto di trambusto e pericolosi assembramenti - prosegue l’esponente politico che già denunciò la ormai famosa serata in piazza del Plebiscito durante la quale si esibì, il 26 marzo 2019, Tony Colombo - è accaduto nella nottata tra il 9 e il 10 luglio nel quartiere di Bagnoli. «Protagonista della serata è stato il neomelodico catanese Niko Pandetta - sono sempre parole di Borrelli - già noto per altre vicende legate a concerti non autorizzati e altre vicende giudiziarie per le quali è stato più volte condannato e altri neo melodici locali». 

LEGGI ANCHE Concerto con dedica ai camorristi, consiglieri all'attacco: «Aberrante»

Ma per quanto a Napoli possa essere trascinante l’attrazione per questo genere di spettacoli musicali, l’altra notte a Bagnoli c’è chi proprio non ha gradito l’improvvisata canora. In tanti, tra i residenti della zona in cui il cantante si è esibito, hanno protestato, documentando con video e foto l’adunata neomelodica. E lo stesso Borrelli conferma: quel concerto si è svolto senza alcun permesso. Solo l’intervento delle forze dell’ordine è riuscito a disperdere la centinaia di persone presenti, interrompendo l’esibizione.  

LEGGI ANCHE Concerto con dedica ai camorristi, il sindaco: maximulta per Niko Pandetta

«Anche se dalla pagina ufficiale del neomelodico siciliano sono stati eliminati i diversi video pubblicati in diretta nel corso del concerto - spiega ancora Borrelli - restano quelli pubblicati da altre persone e il suo annuncio alla partecipazione al concerto in una story Instagram. Abusivismo, assenza di legalità e rispetto delle regole ed incitazione all’illecito, sembrano siano questi i capisaldi di Pandetta e della sua combriccola di neomelodici. Non è la prima volta che prende parte e dà vita ad eventi del genere e non sarà neanche l’ultima se non verrà fermato: questa volta richiediamo provvedimenti drastici». «I cittadini perbene - conclude Borrelli - vogliono il rispetto delle regole, ripudiamo l’illegalità e noi saremo con loro e faremo di tutto per fermare chi sguazza nell’illecito».
 

Ultimo aggiornamento: 11 Luglio, 08:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA