«No alla chiusura del reparto del Cardarelli sulla terapia del dolore e cure palliative»

Il professor Vincenzo Montrone fondatore dell'associazione Il NoDo ha raggiunto l'obiettivo di farsi ascoltare dalla regione Campania per cercare di non far chiudere il reparto di terapia del dolore al Cardarelli.

Tante le testimonianze che l'associazione ha avuto nel cors di questi mesi tra cui ricordiamo il testamento di Giuseppe 30 anni che concludeva appellandosi a non far chiudere questi le parti anzi ad aprirne degli altri in altre strutture in modo da rendere più sereno la vita dei malati terminali.

«È inaccettabile che per l’ennesima volta sia caduto nel dimenticatoio il nostro lavoro, il fatto che oggi non ci abbiano convocato per il premio “Mai più ultimi per le cure palliative” ci fa riflettere - dichiara il professor Vincenzo Montrone, primario del reparto di terapie del dolore dell’ospedale Cardarelli- Insieme all’associazione il NoDo, sto conducendo una battaglia per far sì che il mio reparto, il primo aperto nel centro sud, non venga chiuso quando andrò in pensione». Nel corso della premiazione è intervenuta Adriana Magliulo, segretaria dell’associazione NoDo, che si è detta contenta per l’iniziativa ma delusa per il mancato aiuto da parte delle istituzioni. Il Vicepresidente della Commissione Bilancio, Alfonso Longobardi, ha affermato: «Già da oggi, sono pronto per lavorare al vostro fianco.
Venerdì 13 Ottobre 2017, 17:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-10-14 10:49:39
E' un reparto di eccellenza diretto da un grande Medico che ha dedicato una vita intera alla terapia antalgica. L'anno prossimo Enzo Montrone andrà in pensione per raggiunti limiti di età, ma questo non può e non deve essere motivo per distruggere un presidio di primaria importanza.

QUICKMAP