No vax, dopo il convegno a Napoli esplode la polemica a Torre Annunziata

«Ciò che sta accadendo a Napoli e in provincia è gravissimo. Non bastasse la decisione del Comune di Napoli di patrocinare un appuntamento dichiaratamente “no vax”, ora scopriamo che la stesso sostegno è stato assicurato dal Comune di Torre Annunziata. Decisioni farneticanti da parte di primi cittadini che invece avrebbero il dovere di garantire la salute della popolazione, tramite una corretta informazione, ma innanzitutto attraverso il rispetto e l’applicazione di leggi dello Stato, quali la Legge 119/2017». Antonio D’Avino (segretario provinciale FIMP), Gigi Sparano e Corrado Calamaro (rispettivamente segretario provinciale e segretario amministrativo FIMMG Napoli) si aggiungono, come voce critica, a quella del presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli Silvestro Scotti.

«Per mercoledì 15, si annuncia un altro convegno sostenuto da un’Amministrazione comunale», dicono i medici e i pediatri, «sempre con la partecipazione di Dario Miedico, raggiunto da un provvedimento di radiazione dall’albo, e anche con tanto di testimonianza sul “danno vaccinale”. Vorremmo ricordare a chi ha parlato di libertà di “informazione e di giusto approfondimento”, che nessuno si è mai opposto all’organizzazione di dibattiti. Tuttavia, “concedere il patrocinio” è cosa ben diversa. “Patrocinare”, non dovremmo essere noi a spiegarlo, significa “sostenere”. Sostenere iniziative che si preannunciano dichiaratamente “contro i vaccini” è pericoloso, grave ed in contrapposizione con le norme nazionali. Speriamo che le amministrazioni comunali coinvolte decidano di fare un deciso passo indietro e auspichiamo che in questa vicenda il ministro Beatrice Lorenzin faccia sentire presto la propria voce».
Domenica 5 Novembre 2017, 16:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP