No vax, protesta flop a piazza Dante: poco più di cento contro il Green Pass. Multe e foglio di via per Nicola Franzoni

Sabato 15 Gennaio 2022 di Giuliana Covella
No vax, protesta flop a piazza Dante: poco più di cento contro il Green Pass. Multe e foglio di via per Nicola Franzoni

Un uomo venuto dalla Puglia sventola una bandiera neoborbonica, «perché - spiega - siamo tutti del sud». La “Adunata nazionale: prova di forza contro il governo Italiano. Tutta l’Italia contro Draghi” di oggi pomeriggio in piazza Dante ha visto la partecipazione di poco più di un centinaio di no vax, che hanno ribadito il loro no ai provvedimenti del Governo per l'emergenza Covid e in particolare all'obbligo di green pass. Al termine della manifestazione, un foglio di via obbligatorio dalla città di Napoli è stato disposto dal questore Giuliano per l'imprenditore Nicola Franzoni; venti sanzioni amministrative sono scattate, invece,  per il mancato uso della mascherina. 

«Basta a questo regime dittatoriale che sta ledendo la libertà nel nostro Paese», urla dal megafono Antonio Pappalardo, ex generale dei carabinieri, al ritorno dalla questura dove era stato convocato poco prima l'imprenditore Nicola Franzoni, recentemente finito al centro delle polemiche per le dichiarazioni sulla morte del presidente dell’Europarlamento David Sassoli. 

Video

Il clima in piazza Dante non è paragonabile a quello delle altre città italiane dove gli animi si sono spesso surriscaldati, ma la tensione sale alla vista di cronisti, fotoreporter e agenti della polizia. «Via, via!», urla la folla inviperita, che s’infiamma invece quando dal palco improvvisato su una delle panchine di marmo sotto la statua di Dante sale Pappalardo, leader prima di una costola dei Forconi poi dei Gilet arancioni. «In questura mi hanno chiesto perché non indossavo la mascherina», riferisce con tono sarcastico ai manifestanti che lo acclamano. Mentre in piazza sfila una parte del popolo dei no vax: insegnanti, ingegneri, biologi, studenti. Una manifestazione che è stata tuttavia un flop perché, come fa notare Vincenzo De Pompeis, portavoce regionale dei Gilet arancioni, «tanti napoletani hanno deciso di andare a quella nazionale di Roma».

 

Tra i promotori della protesta il più vulcanico è senz’altro Beniamino Esposito: «Il senso di questa manifestazione è il diritto di portare le persone, il popolo nelle piazze della libertà, della democrazia. Quelle dei no vax sono quasi denominate come piazze di terroristi, cosa che non siamo. Io sono un avvocato, ho rispettato la mia Costituzione e quella di tutti noi italiani. Ho portato avanti in due anni il diritto alla vita libera dei nostri bambini. Io stesso lotto per mio figlio, che ha 11 anni. Ho fatto denunce per la didattica a distanza contro la Regione Campania e in Procura contro Draghi e il ministro Speranza. Allora questa è una battaglia di libertà. Per lo stesso Franzoni, che è stato bloccato prima ancora dell’arrivo in piazza. Condivido con lui, con Pappalardo e con tanti altri quello che è il senso della disubbidienza civile».

Ultimo aggiornamento: 23:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA