Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Nola, gli ucraini invisibili
saranno censiti e trasferiti

Domenica 14 Agosto 2022 di Nello Fontanella
Nola, gli ucraini invisibili saranno censiti e trasferiti

Sono stati sistemati abusivamente i rifugiati ucraini scoperti nelll'immobile sequestrato e acquisito al patrimonio del Comune di Nola. Quaranta persone, tra donne e minori, sconosciute agli uffici comunali, sarebbero stati collocati nello stabile da una associazione-comitato il cui presidente è stato già individuato e convocato dal comandante della polizia locale, colonnello Formisano. Dovrà chiarire la posizione sua e dell'organizzazione che presiede. Indagine lampo, dunque, ma ancora in corso, per riannodare i fili di una vicenda che per il sindaco di Nola, Carlo Buonauro, presenta molti lati ancora oscuri. Non è chiaro, per cominciare, se gli ucraini siano mai stati censiti al loro arrivo in Italia. «Questa associazione non ha alcun rapporto con il Comune - conferma Buonauro - giovedì sera ci è arrivata la comunicazione del Commissariato di Nola perchè una pattuglia si era recata sul posto per la segnalazione di uno sversamento di rifiuti non autorizzato. I poliziotti hanno individuato persone all'interno dello stabile e ci hanno quindi chiesto se il Comune fosse a conoscenza della loro presenza».



È a questo punto che vè stata attivata la Polizia locale per le prime sommarie indagini. Il presidente del comitato, secondo le prime informazioni assunte, avrebbe presentato una dichiarazione di ospitalità al Commissariato di Nola. «Adesso - dice il sindaco - ci preme sapere se e quanti profughi sono stati dichiarati. Ovviamente l'occupazione è abusiva e dovrà disporsi lo sgombero degli occupanti». Ma per il primo cittadino resta ora la priorità, al di là dello sviluppo che riserveranno le indagini, della ricollocazione dei rifugiati, essendoci, tra l'altro, diversi minori: «Per questo abbiamo già attivato gli uffici delle Politiche Sociali», conferma Buonauro. Dovrà essere accertato anche se c'è stata attività di lucro da parte di qualcuno ai danni degli stessi cittadini ucraini. E chi, e come, ha attivato le utenze per l'acqua e l'energia elettrica. Certo è che i rifugiati erano lì da qualche mese e si arrangiavano con piccoli lavori per mettere insieme qualche soldo. Non c'è stata insomma, almeno da parte del Comune, alcuna sommistrazione di contributo, tanto meno di generi di prima necessità.

«L'immobile é abusivo perché realizzato senza titolo e come tale è stato oggetto prima di ordinanza di demolizione e poi di acquisizione al patrimonio comunale, ed essendo un bene proveniente da attività illecita è stato ammesso a un finanziamento di circa un milione di euro su un progetto presentato dall'Ambito N23, di cui Nola è capofila: una parte di questi soldi serviranno per la riqualificazione, l'altra parte per la sua destinazione a uso sociale», conclude il sindaco. Solo allora, eventualmente, potrà ospitare legittimamente persone che hanno bisogno di un tetto.

Ultimo aggiornamento: 15 Agosto, 10:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA