Nuova «stesa» a Napoli, proiettili
​in casa di commerciante antiracket

di Giuseppe Crimaldi

Paura nel cuore di Napoli, alla Pignasecca. Nella notte sono stati esplosi diversi colpi di pistola, uno dei quali si è andato a conficcare nell'abitazione di un commerciante impegnato nella lotta contro il racket. L'ennesima "stesa" che avviene in città. Quattro i bossoli sono stati trovati in strada, una ogiva è stata ritrovata nell'armadio dell'uomo che risulta incensurato. Secondo quanto riferito alla Polizia di Stato dal membro dell'associazione, non avrebbe ricevuto nessuna minaccia: indagini sono in corso per stabilire se la 'stesà era contro di lui o solo un avvertimento per qualche clan della zona.
 
 
Sabato 10 Marzo 2018, 09:32 - Ultimo aggiornamento: 10-03-2018 18:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-03-11 09:56:18
per porre un freno al dilagante potere della mala e del crimine organizzato, il nuovo governo,finalmente svincolato dal mare magnum della tolleranza e della comprensione, tanto caro alle sinistre,possa finalmente creare una vera Legge Antimafia che operi sui fatti e non sulle chiacchiere. Noi persone normali che mai abbiamo avuto nel corso della nostra vita necessità di nasconderci alla Legge, aspettiamo e speriamo...
2018-03-10 11:12:59
Come siamo ridicoli, abbiamo messo le telecamere e non funzionano. O manca chi sorveglia. Se dovessero prendere gli autori delle stese daranno qualche mese di carcere e basta, cosa diversa se per tutti i reati collegati alla criminalità organizzata dessero 20 anni di carcere senza sconti più la pena stessa per il reato commesso. Questi giovani metteranno su in pochi anni dei clan cosi violenti che ciò che accade in messico ci sembrerà oro.
2018-03-10 11:02:52
È ancora colpa di Gomorra??? Oppure a Napoli la camorra regna sovrana da 50 anni?come si vuole fermare questo degrado????
2018-03-10 10:14:32
La Pignasecca sembra una Zona Franca da cui le Forze dell'Ordine ed i Vigili si tengono alla larga ! Incredibile vedere la sera automobili parcheggiate sui marciapiedi ed i pedoni diretti alle stazioni o all'ospedale camminare a centro strada in mezzo ai motorini che sfrecciano contromano . Senza parlare dell'occupazione di suolo selvaggia di gran parte degli esercenti e dell'assoluta mancanza di igiene che appare palesemente a chiunque vi transiti. Dove lo Stato è assente, regna la criminalità.

QUICKMAP