Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omicidio nel Napoletano, il fratello del 18enne ucciso tra i fondatori della «Nuova gerarchia dei Casalesi»

Giovedì 9 Luglio 2020
Omicidio nel Napoletano, il fratello del 18enne ucciso tra i fondatori della «Nuova gerarchia dei Casalesi»

«Il destino ti ha riservato qst (questa) esperienza fa nnt (non fa niente) ma ci saranno cose migliori nella tua vita. Auguri vita myy (mia)». Sono parecchi i post che Antimo Giarnieri - ucciso ieri sera nel Napoletano - ha pubblicato su Fb per suo fratello Vittorio, 27 anni, arrestato nel giugno del 2017, dai carabinieri del Reparto Territoriale di Aversa in quanto ritenuto dalla DDA di Napoli, insieme con altre quattro persone, il fondatore di gruppo criminale, denominato la «nuova gerarchia del clan dei Casalesi».

LEGGI ANCHE Omicidio nel Napoletano: 18enne freddato con quattro colpi, ferito un amico di 16 anni

Una organizzazione criminale che secondo gli investigatori aveva preso il posto del clan facente capo alla famiglia del boss Francesco Bidognetti, a capo di una delle quattro fazioni del clan dei Casalesi, sul territorio da sempre di competenza della cosca, ovvero la vasta area che dal comune di Parete arriva fino al litorale domizio, a Castel Volturno, toccando anche il comune napoletano di Giugliano, controllato dal clan Mallardo, da sempre alleato dei «bidogniettiani».

 

 

Ai cinque, a vario titolo, vennero contestati, all'epoca, i reati di estorsione e detenzione illegale di armi e materie esplodenti, reati commessi con l'aggravante del metodo mafioso, e Vittorio, all'inizio del 2019, venne condannato (a 7 anni e 4 mesi) anche dalla Corte di Appello di Napoli, insieme con gli altri quattro imputati. La «nuova gerarchia del clan dei Casalesi», secondo gli inquirenti, tra dicembre 2016 e il maggio 2017 mise a segno una serie di estorsioni a i danni di operatori economici dei comuni a cavallo tra le province di Napoli e Caserta e anche almeno quattro attentati dinamitardi nei confronti di chi si rifiutava di pagare il pizzo. Due componenti il gruppo, infine, diedero un importante aiuto alle indagini, inizando a collaborare con la giustizia.

Ultimo aggiornamento: 23:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA